Aumento tariffe trasporto pubblico, Parolini: necessario ascoltare le richieste dei pendolari

0

“Credo sia opportuno ascoltare la voce dei consumatori anche al fine di introdurre quelle modifiche che permettano la messa a punto di un servizio più corrispondente alle effettive necessità degli utenti”. Mauro Parolini, Assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, scrive alle istituzioni locali per sostenere la petizione promossa dai pendolari contro il nuovo sistema tariffario, i tagli di corse e la modifiche del trasporto pubblico locale extraurbano in provincia di Brescia.  Nella missiva indirizzata al Sindaco Del Bono, al presidente della Provincia Mottinelli, al presidente dell’Agenzia per il Trasporto Ghirardelli, Parolini, anche in qualità di Presidente del Comitato regionale Consumatori ed Utenti, sottolinea la “forte preoccupazione in merito all’applicazione del biglietto unico nel trasporto pubblico locale bresciano e alla riorganizzazione delle corse degli autobus, in particolare nell’area del capoluogo”.

 

“È evidente – si legge nella lettera – che l’entrata in esecuzione della metropolitana richiede una forte integrazione nei diversi sistemi di trasporto. Tuttavia sembra opportuno che l’utilizzo di mezzi pubblici efficienti ed integrati debba essere più incentivato mostrandone la convenienza piuttosto che imponendone l’uso”.  “Comprendo la complessità nella gestione di sistemi eterogenei di trasporto e che offrono un servizio a centinaia di migliaia di persone; proprio per questo – conclude Parolini –  ritengo sia indispensabile ascoltare le ragioni  e le richieste dei sottoscrittori della petizione”.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome