Aon e Legambiente puliscono Brescia. Tra i rifiuti ancora troppe sigarette

0

di Elisabetta Bentivoglio – I bresciani più incivili? I fumatori che abbandonano per strada i pacchetti vuoti di sigarette. E’ ciò che emerge dal Global Service Day “Pili-amo Brescia” organizzato da Aon in collaborazione con Legambiente l’11 giugno scorso. Nel corso della giornata otto dipendenti bresciani della multinazionale leader nel brokeraggio assicurativo e riassicurativo, nella consulenza nei servizi di Risk Management e nella consulenza aziendale per la gestione delle risorse umane, si sono uniti ai volontari di Legambiente dedicando il loro tempo al monitoraggio e alla pulizia di piccoli rifiuti in giro per la città.

Divisi in tre squadre hanno perlustrato altrettante zone cittadine – centro storico, zona nord e zona sud-est della città – impegnati nella pulizia e nell’osservazione del territorio con l’obiettivo di “raccogliere informazioni e valutazioni sulla qualità dell’ecosistema urbano di Brescia attraverso la compilazione di un questionario, la raccolta di piccoli rifiuti e lo scatto delle fotografie”, ha spiegato il presidente di Legambiente Brescia, Carmine Trecroci.

Ai volontari il compito di assegnare un punteggio secondo cinque parametri: assetto urbanistico, aria, acqua, rifiuti e verde, con una scala di gradimento da 1 (ottimo) a 5 (pessimo). Quel che ne è uscito però è la fotografia di una città tra lo scarso e il sufficiente, con un punteggio medio di 3,3. Tra le principali criticità riscontrate le sponde del fiume Mella, “ricoperte di rifiuti di ogni genere”, ma anche alcuni edifici e giardini del centro storico, “abbandonati al degrado” e cassonetti  e cestini “circondati dai rifiuti”, diverse aiuole “invase dalle erbacce” e, specie nella zona nord della città (Prealpino, Casazza e Triumplina) “lo scarico selvaggio di pacchetti e mozziconi di sigaretta”. Esistono anche delle eccellenze e tra queste spiccano i “tanti edifici e giardini privati di pregio del centro storico”.

Al termine della giornata di rilevazioni i volontari di Aon e Legambiente hanno redatto alcune proposte da sottoporre all’attenzione dell’opinione pubblica e dell’amministrazione comunale per migliorare l’assetto complessivo della città. In particolare i volontari hanno proposto che “nei quartieri venga nominato un promotore per coinvolgere i pensionati nella coltivazione e cura degli orti e verde pubblico”, ma anche che “i ragazzi dei grest organizzino giochi sulla biodegradabilità con il fine di prevenire e raccogliere i rifiuti” e che “agli studenti delle scuole d’arte siano commissionati graffiti e murales per abbellire le zone più grige e spoglie” e “le aziende prendano in concessione le aiuole ad utilizzo pubblicitario in cambio della cura delle stesse” oltre alla creazione “di un mercato coperto per lo scambio di oggetti, mobili, abiti e accessori”.

“Siamo molto soddisfatti di aver dedicato la giornata alla pulizia della nostra città – ha commentato il consigliere di amministrazione di Aon spa di Brescia e Bergamo, Marcello Marcolini – Sono convinto che l’idea più bella sia quella che si applica e questa giornata di lavoro l’ha ampiamente dimostrato”. Aon ha fatto della Corporate Social Responsibility uno dei propri punti di forza e Puliamo Brescia aveva proprio l’obiettivo di rendere più puliti, più belli e fruibili i parchi e le strade delle città in cui opera. Un’azione concreta che “dovrebbe essere d’esempio anche alle altre aziende del territorio",ha concluso Trecroci. L’appello è lanciato, ora non resta che raccoglierlo.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome