Brescia – Catania nel mirino della Procura, il ripescaggio è a rischio

0

L’ipotesi è che la partita Brescia – Catania stesse per essere “venduta” da un giocatore delle Rondinelle. Così poi non è stato, ma la trattativa e la possibilità che accadesse è oggetto delle telefonate tra i due faccendieri Fernando Antonio Arbotti e Piero Di Luzio nell’inchiesta «I treni del gol» per la quale sono finite ai domiciliari sette persone, tra cui il presidente del Catania Nino Pulvirenti e l’ad Pablo Cosentino.

E questa vicenda non aiuta di certo il Brescia, in piena corsa per il ripescaggio: come scrive il Corsera nelle intercettazioni incriminate si parla di Brescia-Catania del 9 maggio scorso, finita 4-2 per i bresciani. I codici usati dai faccendieri sono, come dal titolo dell’inchiesta, i treni. I due parlerebbero di “un treno delle tre sicuro” che sembrerebbe corrispondere alla maglia di Antonio Caracciolo, e poi di un “treno delle 5” che “non si sa se parte” che corrisponderebbe alla maglia di Budel. Quello che Pulvirenti voleva, a quanto ricostruito dagli inquirenti, era un pareggio su quella partita, ma era infattibile. Così, a cinque ore dal match, in base alle carte della procura catanese, il presidente del Catania blocca tutto e ai due scagnozzi non rimane che annullare.

In ogni caso, si tratta di ipotesi: fino ad ora nessuna intercettazione è stata avviata su Caracciolo e Budel, il cui coinvolgimento può essere semplicemente frutto di ipotesi dei faccendieri e del presidente del Catania. Intanto il club del Brescia tiene alta l’attenzione e conta su una totale estraneità di Caracciolo, visto che se si accertassero responsabilità il Brescia perderebbe il diritto al ripescaggio.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome