Biossido d’azoto, a Brescia via Turati è maglia nera. In provincia è Rezzato

0

Il caso Volkswagen ha fatto crescere la popolarità del biossido d’azoto che, come hanno certificato i media di tutto il mondo, sono pericolosi per la salute. Anche a il loro livello in alcune zone è preoccupante. Come traccia il Corriere della Sera sui dati Arpa, la mappa dei comuni fuori legge ha diversi punti rossi. In città è via Turati a essere oltre i limiti, per il traffico e per la conformazione della strada che, essendo in salita costringe ad accelerare aumentando il consumo di carburante e le emissioni.

A livello provinciale maglia a Rezzato, nel tratto che va dall’autostrada alla cava Italcementi, a Montirone e a Marone. Seguono alcuni paesi attraversati dall’A4, da Erbusco a Castenedolo, ma anche la bassa Valtrompia (Sarezzo e Ponte Zanano), Casto e Odolo in Valsabbia e Maclodio, nella Bassa. Prevalentemente da traffico l’inquinamento da biossidi registrato a Tormini e Salò. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il Rettore Pecorelli non potrebbe intervenire? Lui ci tiene alla qualità dell’aria che respiriamo e questo inquinamento rischia di vanificare la sua meritoria iniziativa di rendere libera dal fumo tutta l’area esterna dell’Università…

  2. Intendo chi x lavoro o svago deve andare in zona metro. Esempio ospedali, centro stadio , etc etc
    Ma ripeto io compreso che sono un pigro .

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome