Gratta&Vinci come offerte in chiesa, Beccalossi: così si mortifica la lotta alla ludopatia

6

"Ci sono preti che, come don Antonio Mazzi, definiscono il gioco d’azzardo la ‘droga del terzo millennio’ e altri che, in nome del ‘dio denaro’, accettano dai fedeli donazioni di Gratta e vinci al posto delle classiche offerte". Lo dice Viviana Beccalossi, assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia e team leader della Giunta Maroni in tema di contrasto al gioco d’azzardo patologico, commentando l’iniziativa ‘Gratta e vinciAmo’, organizzata a Cigole, nel Bresciano, dalla parrocchia San Martino, dove i Gratta e vinci verranno donati dai fedeli durante le Sante di sabato 17 e di domenica 18 ottobre, con l’obiettivo di finanziare interventi e attivita’ parrocchiali.

LUOGHI SENSIBILI – "Ognuno – aggiunge Viviana Beccalossi – agisce come meglio crede. Non posso pero’ nascondere la mia delusione nell’apprendere che proprio in una chiesa, ovvero in uno dei luoghi ritenuti sensibili dalla legge regionale sulla ludopatia, e vicino ai quali e’ assolutamente vietato installare nuove slot machine, si decida di realizzare un’iniziativa mirata a reperire risorse economiche proprio attraverso il gioco d’azzardo. Cosi’ viene mortificato il e l’impegno di Regione Lombardia verso una piaga sociale che, purtroppo, e’ sempre piu’ di triste attualita’".

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

6 Commenti

  1. Cara Bellona, se hai questi scrupoli,sapendo la destinazione ,tu e i tuoi accoliti fatevi promotori di una raccolta di soldi . Una bella cifra, mi raccomando.

  2. Mi tocca dar ragione alla Beccalossi, speriamo che tra tutti i gratta e vinci non vincano proprio un bel nulla, perché va bene credere alla provvidenza, ma non al gioco d”azzardo

  3. Ma cosa vuoi che interessa ai preti della morale: a loro interessano solo ed esclusivamente i soldi! Chiese vuote, gente che si sbattezza, incostistenza di esempi a loro non interessa minimamente (e nemmeno ai loro superiori). Non diamo più l’8 per mille a questa gente, non lo meritano!

  4. Pare ci sia del gratta gratta anche in Regione Lombardia e qualcuno pare sia per questo in prigione da qualche giorno. Questo mortifica noi Cittadini Lombardi.

  5. Se credi alla giustizia, come fanno i sinistri quando si tratta degli altri, stai tranquillo che la magistratura farà giustizia. Sul problema invece dei preti che inducono anche al gioco d’azzardo, è veramente uno schifo e l’ennesima dimostrazione che la chiesa è sempre più lontana dai problemi della gente, vive alle nostre spalle, e quindi è un’istituzione che costa e da eliminare. Deve solo ed esclusivamente vivere indipendente. E questo vale per tutte le religioni. Niente contributi dallo stato.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome