Artigiani della comunicazione: nel 2015 aperte 37 nuove aziende a Brescia

0

L’artigianato è sempre più attivo in attività economiche connesse al settore della comunicazione. È quanto emerge da un’indagine del Centro studi di Confartigianato. Al II° trimestre 2015 si possono contare in Italia 42.629 imprese che danno lavoro a 81.282 addetti (il 2,7% del totale degli addetti dell’artigianato nazionale). La è la regione con il maggior numero di piccoli imprenditori della comunicazione, 7.341 con una crescita nell’ultimo anno del 2%. Seguono il Veneto (+1,5%) e il Friuli Venezia Giulia (+1,2%). Il settore – nello studio di Confartigianato – è individuato su 53 codici della classificazione Ateco 2007: “attività professionali, scientifiche e tecniche”, “stampa e riproduzione di supporti registrati”, “produzione di software, consulenza informatica e attività connesse”, “attività dei servizi d’informazione e altri servizi informatici”, “pubblicità e ricerche di mercato”, “attività di supporto per le funzioni d’ufficio”, “attività editoriali”, “attività di ricerca, selezione, fornitura di personale”, le più rilevanti.

In termini dinamici si osserva che, a fronte della stabilità delle imprese dell’artigianato della Comunicazione, in ben 44 province si evidenzia un trend in aumento e in particolare a Biella (7,3%, pari a 10 imprese in più), Cuneo (4,8%, pari a 24 imprese in più), Pordenone (4,6%, pari a 14 imprese in più), Prato (4,6%, pari a 7 imprese in più), Monza e Brianza (4,5%, pari a 28 imprese in più), Ferrara (4,2%, pari a 9 imprese in più), Brescia (4,1%, pari a 37 imprese in più), Piceno (3,6%, pari a 10 imprese in più), Prov. Aut. di Bolzano (3,6%, pari a 21 imprese in più), Siena (3,5%, pari a 7 imprese in più), Bergamo (2,9%, pari a 23 imprese in più), (2,9%, pari a 73 imprese in più) e Vicenza (2,9%, pari a 21 imprese in più).

E se a livello provinciale Milano guida pure la classifica per il più alto numero di artigiani della comunicazione, 2.569, dietro al primato per la natalità d’impresa che va a Cuneo dove nell’ultimo anno gli artigiani della comunicazione sono aumentati del 4,8% e al secondo posto per Monza Brianza (+4,5%), Brescia segue terza, con una crescita del 4,1% per un totale di imprese artigiane della Comunicazione di 949 (37 imprese in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa), poi Bolzano (+3,6%), Milano, Vicenza e Bergamo (tutte tre con una crescita del 2,9%).

In termini di consistenza e composizione degli addetti dell’artigianato della Comunicazione a Brescia sono 1.954 gli addetti totali (il 2,4% sugli addetti totali dell’artigianato). Il 43,3% di essi – 843 addetti – è impiegato in prodotti di stampa, 299 in servizi d’informazione, 121 in pubblicità e ricerche di mercato, 440 in alte attività scientifiche e tecniche.

Per Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Imprese Unione di Brescia e Lombardia: «Come anche in altri importanti settori dell’economia, la nostra provincia si conferma protagonista. È la dimostrazione che il sapere artigiano affonda le radici nel passato ma si proietta con forza nel futuro. Va detto poi che in questo settore l’età media è più bassa rispetto ad altri comparti, con notevoli spazi per l’iniziativa dei giovani. Si tratta di un comparto in rapida espansione che, nell’ultimo anno e nella sola provincia di Brescia, ha visto un aumento del 4,1% con 37 imprese in più».

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome