Terrorismo, armi sequestrate nel blitz. Il jihadista di Chiari: Dio distrugga la Francia

7

Nel blitz di questa mattina che ha condotto all’arresto di Samet Imishti con l’accusa di apologia del e istigazione all’odio razziale, gli inquirenti hanno sequestrato anche diverse armi tra cui una carabina russa e una pistola calibro sette di fabbricazione slava.

A confermarlo durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina in Questura a Brescia il capitano della Direzione Antiterrorismo della polizia kosovara, Blerim Rama. La collaborazione tra Italia e Kosovo nell’inchiesta denominata “Van Danne” è stata determinante per raggiungere il risultato odierno ed individuare i potenziali terroristi.

“E’ stata una collaborazione unica nel suo genere – ha spiegato il capitano Rama – grazie alla quale oggi abbiamo due armi in meno in circolazione e una persona arrestata in Kosovo che ha appoggiato apertamente il gruppo terroristico dello Stato islamico”.

Persona che aveva la sua base operativa italiana a Chiari, dove questa mattina gli agenti della Digos hanno trovato il fratello, e che su Facebook lanciava messaggi del tipo: “Dio distrugga la Francia, oh Signore, che fino a ieri i suoi aerei in Siria non hanno lanciato caramelle…” – o ancora – “ Allah è grande, se Allah vuole domani altri 1500”.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

7 Commenti

  1. Possedere un paio di pistole a Pristina è il minimo per campare, e poi, vogliamo credere che il terrorismo su annuncia con dei post o dei like su Facebook?? Ma mi faccia il piacere… Notizie ad usum lega

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome