Silenzio post interrogatorio per l’operaio della Bozzoli. Il legale: non abbiamo nulla da dire

0

Il primo a lasciare la caserma dei carabinieri di piazza Tebaldo Brusato dove questa mattina è arrivato per essere interrogato è stato uno dei due operai accusati di concorso in omicidio volontario del datore di lavoro, Mario , e distruzione di cadavere.

Il suo avvocato Umberto Goffi però, avvicinato dai cronisti all’uscita dalla caserma, si è limitato a rispondere con un “Non ho nulla da dire”. Nemmeno una parola, invece, da parte dell’operaio di origine straniera. Non resta che attendere l’uscita del secondo operaio e la convocazione dei due nipoti della vittima, anch’essi imputati per il presunto omicidio dello zio e la distruzione del corpo.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome