Bruciata viva dal marito, Pinki torna a casa e lancia un appello: basta subire

3

Pinki è tornata a casa. La donna 26enne di origine indiana e passaporto italiano che il 20 novembre scorso è stata bruciata dal marito, dopo quasi 50 giorni di ospedale è tornata a casa dai fratelli e dai genitori.

Quel terribile giorno però rimarrà per sempre immerso nella sua memoria. La sua unica colpa vivere e vestire all’occidentale, cosa che né il marito né la suocera riuscivano a sopportare. Prima di darle fuoco ricoprendola con un liquido infiammabile il marito, che ora si trova in con l’accusa di tentato omicidio, l’aveva picchiata violentemente davanti ai loro figli di 2 e 4 anni che ora vivono insieme a lei nella casa dei nonni materni.

Il Giornale di Brescia l’ha intervistata e la donna ha voluto lanciare un messaggio verso tutte coloro che sono vittime di queste terribili violenze: “Basta subire”.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

3 Commenti

  1. Ma le nostre femministe che tanto si stracciavano le vesti decenni fa per combattere l’uomo italiano retrogrado e maschilista, qui dove sono? Cosa dicono? Perchè non scendono in piazza? Hanno paura? Era solo una montatura per creare nuovo bacino di voti (di sinistra)?

  2. Ma Pannella, Bonino e company, paladini dei diritti civili, dove sono? Non dicono nulla? Non fanno scioperi della fame o della sete? Si sono imborghesiti? E’ un’utenza che a loro non interessa? Quindi le persone sono persone “a secont”.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome