Sfregiato dall’acido, una petizione per un fondo dedicato alle vittime mai risarcite

0

La disperazione regna sovrana in casa Pezzulli, tanto che la madre di William, il giovane sfregiato dall’acido il 19 settembre del 2012 dalla ex fidanzata e da un amico di lei, ha deciso di affidarsi ad una petizione su Change.org (ECCO IL LINK) per una raccolta firme che si pone l’obiettivo di convincere il ad istituire un fondo per le vittime di aggressioni.

William Pezzulli, invalido al 100% in seguito ai danni provocati dall’acido che lo ha colpito su viso e torace, non ha mai ricevuto nessun aiuto economico per le continue cure alle quali si sottopone da quel tragico giorno del 2012 in cui la sua vita è cambiata per sempre. I suoi due carnefici invece, hanno già pagato il proprio conto con la giustizia, dieci anni per lui e otto per lei, ma non hanno dovuto sborsare nemmeno un euro per risarcire William del danno subito in quanto nullatenenti. Da tre anni il giovane Pezzulli fa avanti e indietro da Travagliato agli ospedali di mezza Italia.

“Spero che la gente capisca la mia situazione e quella di tante altre persone che vivono il mio stesso incubo”.

“A nome di William e di tutte le persone che hanno subito , chiediamo di istituire a questo fine un fondo di garanzia a tutela delle vittime dei reati violenti nei casi in cui gli aggressori risultino incapienti”, scrive la mamma nella petizione che in quattro giorni ha già ottenuto 1245 sostenitori.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. capisco la tragedia ma bisognerebbe predisporre troppi fondi per risarcire i cittadini per tantissime tragedie: furti, aggressioni, rapine ecc i piu’ non denunciano neppure alle forze dell’ordine per gli impuniti e nulla tenenti e recidivi risulta purtroppo tutto piu’ facile

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome