Agente usa auto di servizio per scopi personali: chiesti tre anni e sei mesi

0

Utilizzava l’auto di servizio per motivi del tutto personali. Timbrava il cartellino e poi usciva dall’ufficio per fare altro e con la vettura della polizia giudiziaria andava in zona industriale, specie di notte.

Si tratta di un agente della Polizia giudiziaria finito a processo e per il quale il pm Valeria Bolici ha chiesto una condanna a tre anni e sei mesi più duemila euro di multa per e truffa.

Ad inchiodarlo i suoi stessi colleghi che dal 2011 avevano notato che l’uomo era solito frequentare la zona del quartiere Noce ma al ritorno non faceva mai rapporto. I suoi erano spostamenti di interesse personale. I colleghi hanno montato un gps sull’auto che era solito utilizzare e in questo modo sono riusciti a scoprire i suoi spostamenti tutt’altro che lavorativi. Il processo davanti alla Corte d’Assise è stato aggiornato a martedì 23 febbraio per la replica della difesa e la sentenza.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome