I frati non assolvono il Comune di Adro: no alla tangenziale. Un comitato è con loro, raccolte 3mila firme

0

"Non capiamo il senso di rovinare un angolo ancora oggi così suggestivo e poco contaminato di Franciacorta, con una nuova tangenziale. Le alternative, se si vuole, ci sono. Noi chiederemo una sospensiva alla delibera del Comune di Adro. Ribadiamo la totale contrarietà all’opera, già espressa con il ricorso al Tar".

Presa di posizione netta quella esposta al Giornale di Brescia dal priore della Madonna della Neve, padre Giuseppe Furloni, relativa alla delibera comunale che autorizza la realizzazione a pochi passi dal santuario di una rotatoria propedeutica alla tangenziale Torbiato – Nigoline. La bretella dovrebbe passare a 143 metri dal settecentesco santuario dei frati carmelitani.

"Quest’opera era già prevista negli anni Settanta – ha affermato il vicesindaco Lancini -, inoltre l’attuale strada comunale passa già praticamente sul sagrato del santuario ed è insufficiente per far fronte al traffico dei pellegrini nel weekend e degli studenti durante la settimana".

Il fronte del "no", tuttavia, cresce. Oltre ai frati c’è di mezzo anche il "Comitato 1519", che ha raccolto 3019 firme antitangenziale.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il sindaco Lancini, come al solito, si diverte a cavalcare scelte che hanno poca valenza reale e molta valenza folkloristica. In linea con il disordine ideologico che ultimamente sta attanagliando il carroccio nelle scelte strategiche legate al territorio della franciacorta. Da Rovato a Adro….disastro

  2. Ovviamente, per chi non avesse colto la sottigliezza, parlo del sindaco Lancini riallacciandomi al bellissimo commento che vede il comune di Adro commissariato proprio da Lancini.

  3. L’opera che di per se stessa porta cemento ed asfalto porterà ad una cementificazione del territorio limitrofo in un’area ancora abbastanza incontaminata ai piedi delle colline moreniche, tuteliamo per quanto possibile quel poco che è ancora rimasto del verde della Franciacorta, pensiamo a realizzare opere meno distruttive del territorio.

  4. cemento e asfalto = soldi, tutte le altre motivazioni di lancini sono [email protected]
    dove ci sono soldi c’è lega e lancini, ma guarda un pò!
    giù le mani dalla Franciacorta! Basta cemento! Basta asfalto!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome