Banda informatica prosciugava conti dei correntisti. Perquisizioni e arresti

5

Frode informatica. Era questa l’attività nella quale si era specializzata una banda nazionale dedita a "mettere le mani" nei conti correnti altrui, dai quali venivano sottratte ingenti somme di denaro. Il loro business criminale, tuttavia, è finito perché i militari del nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brescia hanno operato arresti e perquisizioni con il supporto della Polizia Provinciale e della Polizia Postale di Roma.

La somma prosciugata a danno di correntisti di Poste Italiane, Bpl, Veneto Banca attraverso operazioni di phishing è 650mila euro. I soldi finivano su carte di credito prepagate intestate a prestanome.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

5 Commenti

  1. Invece per Voi che siete più evoluti e avete poca voglia di lavorare, l’informatica serve solo per fregare i risparmi altrui.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome