Croce di Job, continua la battaglia legale tra i genitori della vittima e gli imputati

0

Ci sono cinque imputati per l’incidente che due anni fa costò la vita a Marco Gusmini 21enne di Lovere ucciso dal crollo della Croce di Job installata a Cevo in occasione della visita di Papa Wojtyla del 1998. Tutti esponenti, progettisti e tecnici del comune montano, rinviati a giudizio per omicidio colposo.

I genitori del ragazzo si sono costituiti parte civile. Per l’accusa quel monumento non era stato conservato e mantenuto adeguatamente per preservare la sicurezza dei turisti e di chi stazionava nei suoi paraggi.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome