Marta uccisa da un’emorragia. Ma restano i dubbi su come sia finita nel cassone

0

La causa c’è. Ma il contorno è ancora tutto da spiegare. Marta Samantha Baroni, la transessuale 34enne trovata morta mercoledì mattina in un cassone dello sfalcio del verde alla Torricella, si è spenta a causa di una forte emorragia gastrica. A determinarlo è stata l’autopsia, che però non ha ancora fatto chiarezza sulle cause del malore. Forse un aiuto arriverà dall’esame tossicologico, ma – in attesa che si faccia luce sulle minacce ricevute negli scorsi mesi dalla giovane – resta comunque da chiarire come il corpo della donna sia finito nel cassone. Un tentativo disperato di ripararsi? Sarebbe stata in grado di farlo da sola visto il fisico esile e la condizione disperata? Oppure qualcuno ha sistemato lì il cadavere per nasconderlo dopo il fatto? Le indagini proseguono.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome