Attentato Isis a Ghedi? I giudici: terroristi facevano sul serio

La sentenza conferma la pericolosità per i due aspiranti terroristi, condannati a sei anni di carcere con espulsione a fine pena

0

“Sono apparsi assolutamente determinati ad ‘ammazzare in Italia’ e poi a raggiungere il territorio dello stato islamico, che avrebbe rivendicato il loro pregresso atto di terrore, loro prestigioso ‘biglietto da visita’ per l’arruolamento nelle milizie armate”. A dirlo, nero su bianco – secondo quanto riferito da Brescia oggi – è la sentenza che ha confermato la condanna a sei anni di carcere per il tunisino Lassaad Briki e ol pakistano Muhammad Waqas.

I due, secondo la sentenza, stavano progettando un attentato alla Base Nato di Ghedi. Fatti, non parole. Inoltre i due avevano manifestato esplicitamente la vicinanza all’Isis, senza mai prenderne le distanze. Tanto che “neppure nel giudizio di appello vi è stato altro spunto collaborativo o presa di distanze dall’ideologia propugnata dal califfato da parte di nessuno dei due imputati, nei cui confronti, rilevatane la pericolosità, va confermata anche l’espulsione a pena espiata”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome