Furti in casa: presi due membri della banda che terrorizzava la Bassa

Sono accusati di aver compiuto oltre 50 raid nelle abitazioni di tutto il Nord Italia (e della Bassa Bresciana) i due rumeni fermati dalle forze dell'ordine al termine di un lungo lavoro d'indagine

1
Controlli dei carabinieri
Controlli dei carabinieri

Sono accusati di aver compiuto oltre 50 raid nelle abitazioni di tutto il Nord Italia (e della Bassa Bresciana) i due rumeni fermati dalle forze dell’ordine al termine di un lungo lavoro d’indagine. I malviventi – che sarebbero elementi di punta dell’organizzazione criminale – sono stati trovati a Latisana, in provincia di Udine. Nel corso delle indagini i carabinieri hanno anche denunciato due persone, residenti a Castiglione e Pioltello, con l’accusa di essere fiancheggiatori del gruppo criminale.

IL BILANCIO DELLE RAPINE

Secondo i militari i due 35enni fanno parte di una banda che negli scorsi mesi ha seminato il panico in diversi Comuni bresciani, compiendo furti nelle abitazioni e poi fuggendo a bordo di una potente Audi A5 truccata. I colpi attribuiti al sodalizio criminale nell’ultimo mese sarebbero circa cinquanta, concentrati sopratutto nell’area di Brescia, Verona e Mantova. In diverse occasioni le forze dell’ordine erano riuscite ad agganciarli, ma i ladri sono sempre riusciti a fuggire. Così era avvenuto il 14 gennaio, dopo i furti di Montichiari e Calcinato, e il 18 gennaio quando i ladri avevano fatto perdere le proprie tracce all’altezza del Leone di Lonato.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome