Ludopatia, Beccalossi: no a passi indietro, raddoppiamo gli sforzi

Il consigliere regionale a Del Bono: l'unica risposta possibile da parte del Comune di Brescia nella lotta al gioco d’azzardo patologico è quella di impegnarsi ancora di più

1
Viviana Beccalossi
Viviana Beccalossi

“Nessun passo indietro. L’unica risposta possibile da parte del Comune di Brescia nella lotta al gioco d’azzardo patologico è quella di impegnarsi ancora di più, come hanno già fatto diversi sindaci che dopo aver subito ‘stop’ e ‘incidenti di percorso’ non si sono certo spaventati, proseguendo l’impegno contro questa piaga sociale rovina famiglie”.

Lo dichiara Viviana Beccalossi, consigliere regionale del Gruppo Misto (ex di Fratelli d’Italia) e autrice, da assessore regionale, della legge lombarda anti ludopatia, commentando la notizia relativa alla sospensiva concessa dal Tar in merito al regolamento sugli orari degli esercizi commerciali che posseggono slot videolottery.

“Certamente – prosegue Viviana Beccalossi- un esame più attento delle carte e della sentenza potrà aiutare a comprendere nel dettaglio il perché di questo ‘no’. Quello che è certo e che a Bergamo e a Milano in casi simili le amministrazioni hanno avuto la forza di imporre le proprie ragioni, dimostrando come la ludopatia sia un grave rischio per i cittadini”.

“Anche in consiglio regionale – conclude Viviana Beccalossi – proseguirà nei prossimi mesi il mio impegno per rendere la Legge lombarda, che ha fatto scuola a livello nazionale, se possibile ancora più efficace”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome