Spaccio, due italiani arrestati: ricevevano gli ordini via Whatsapp

Il blitz dei carabinieri è scattato nel pomeriggio di sabato, nella località Pesegata del Comune di Darfo Boario Terme, in Valcamonica: nei guai sono finiti un 28enne e un 30enne italiano, entrambi noti alle forze dell'ordine

1
Attività illecite via Whatsapp
Attività illecite via Whatsapp

Anche le attività criminali si sono evelute e i pusher utilizzano le nuove tecnologie per rendere più “performanti” i propri traffici. E’ quanto emerge dall’ultima operazione condotta dai Carabinieri della compagnia di Breno, che nei giorni scorsi hanno arrestato due uomini per droga. E la particolarità del caso, secondo quanto ricostruito dai militari, è che i due ricevevano gli ordinativi via Whatsapp.

Il blitz è scattato nel pomeriggio di sabato, nella località Pesegata del Comune di Darfo Boario Terme, in Valcamonica. I Carabinieri hanno arrestato un 28enne italiano di Piancogno e un 30enne italiano di Niardo, perché viaggiavano su un’auto su cui venivano trasportati 10 grammi di cocaina – già divisa in dosi – e due grammi di hashish. Per entrambi, già conosciuti alle forze dell’ordine, l’accusa è di detenzione di stupefacenti.

In attesa del processo, che si terrà tra qualche giorno, le indagini hanno permesso di appurare che i due raccoglievano gli ordini illeciti anche attraverso la popolare app Whatsapp: software che oltretutto non è monitorabile da parte delle forze dell’ordine, se non direttamente, accedendo fisicalemte al cellulare di uno dei destinatari delle conversazioni.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome