Brebemi, Balotta denuncia: sta per essere ceduta a un fondo

Secondo l'ambientalista Banca Intesa sta cedendo il 55% della società autostradale al fondo F2i, partecipato da una dozzina di azionisti con tre capofila che detengono la medesima quota azionaria, il 14% guidati dalla Cassa Depositi Prestiti

1
Brebemi
Brebemi

“Banca Intesa sta cedendo il 55% di Brebemi al fondo 2i, partecipato da una dozzina di azionisti (Fondazioni, e fondi d’investimento) con tre capofila che detengono la medesima quota azionaria, il 14% guidati dalla Cassa Depositi Prestiti”. A “denunciarlo” è, con una nota, Dario Balotta, esponente di Sel e noto ambientalista del che nel comunicato sottolinea come la cessione “dimostra che la concessionaria autostradale è al capolinea, una palla al piede per Banca Intesa che se ne vuol liberare a spese del contribuente, garantendosi così la solvibilità del debitore a spese anche dei contribuenti e del territorio che ha per 960 ettari di terreno agricolo”.

“La direttissima Brescia Milano – attacca ancora Balotta – è al terzo anno consecutivo con i bilanci chiusi in perdita e le previsioni del prossimo si preannunciano le stesse. Nonostante gli aiuti pubblici di 360 milioni di euro, l’allungamento della concessione di 5 anni e il collegamento con l’A4 il traffico non è aumentato in modo tale da evitare il default. La concessionaria non riesce neppure a pagare il mutuo annuale di 90 milioni di soli interessi al pool di banche creditrici capitanate da Banca Intesa, che è anche stata consulente oltre che primo finanziatore dell’autostrada. Brebemi – continua il comunicato – ha recentemente annunciato di voler ristrutturare il debito proprio per la sua grave insostenibilità finanziaria visto che i ricavi da traffico sono nettamente inferiori alle aspettative previste dal Piano Economico Finanziario (PEF)”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome