Obbligo di chiudere i negozi la domenica, via alla discussione in parlamento

Le uniche eccezioni sarebbero rappresentate dalle domeniche di dicembre e da altre quattro festività all'anno

4
Negozi chiusi
Negozi chiusi

I negozi potrebbero essere obbligati a chiudere tutte le domeniche, se pure con qualche eccezione. Continua a suscitare polemiche la nuova legge – proposta dalla leghista Barbara Saltamartini – di cui il Parlamento (la commissione Attività produttive della Camera) ha avviato oggi la discussione.

COSA IMPORREBBE LA NUOVA LEGGE?

Il nuovo dispositivo imporrebbe di abbassare le serrande quasi tutte le domeniche dell’anno, abrogando la legge approvata dal Monti che introduceva la totale libertà di scelta da parte delle attività. Le uniche eccezioni sarebbero rappresentate dalle domeniche di dicembre e da altre quattro festività all’anno: i Comuni e le Regioni avrebbero quindi il compito di determinare il nuovo quadro, ma senza violare il vincolo delle otto aperture massime all’anno.

I DUBBI SULL’OCCUPAZIONE

Un provvedimento sostenuto da leghisti e grillini, ma molto contestato da alcune categorie. Con le chiusure obbligatorie, infatti, sarebbero in molti a perdere il lavoro (il calcolo è presto fatto: le domeniche, per le attività sempre aperte, valgono un settimo delle giornate lavorative totali), con pesanti ricadute soprattutto sul mondo degli outlet e dei centri commerciali. Il rischio denunciato da molti, inoltre, è che le attività commerciali “fisiche” diventino ancora meno concorrenziali rispetto a quelle virtuali, su cui è possibile effettuare acquisti h24 per 365 giorni all’anno. E con prezzi spesso inferiori.

 

Comments

comments

4 Commenti

  1. Forse una via intermedia è pensabile : chiusura la domenica mattina, spazio alla famiglia, al pensiero, alla lettura,alla preghiera, a se stessi

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome