Loggia, sì alla tassa di soggiorno: due euro in più per finanziare il turismo

I turisti che dormono negli hotel a 4 e 5 stelle verseranno un euro al giorno, gli altri uno. Nella giornata di ieri la giunta del Comune di Brescia ha dato il via libera alla delibera sulla tassa di soggiorno, che martedì passerà in commissione e venerdì arriverà in consiglio per la votazione finale

1
Hotel a Brescia, foto generica
Hotel a Brescia, foto generica

I turisti che dormono negli a 4 e 5 stelle verseranno un euro al giorno, gli altri uno. Nella giornata di ieri la giunta del Comune di Brescia ha dato il via libera alla delibera sulla tassa di soggiorno, che martedì passerà in commissione e venerdì arriverà in consiglio per la votazione finale.

Con il provvedimento, dalla prossima primavera, chi alloggia in hotel e bed and breakfast pagherà un obolo per finanziare le attività sul territorio, come già avvviene in diverse località turistiche italiane. Una sorta di tassa di scopo: la distribuzione dei fondi, infatti – come ha ricordato l’assessore – sarà decisa dalla Loggia di comune accordo con albergatori e operatori turistici.

Le categorie esentate dalla tassa saraanno: minori di 16 anni, disabili, parenti delle famiglie che assistono pazienti ricoverati negli ospedali, dipendenti degli alberghi e forze dell’ordine.

ULTIME NOTIZIE SU BRESCIA ANCHE SUI SOCIAL: SEGUI BSNEWS

Segui la pagina ufficiale di BsNews.it su Facebook

Segui la pagina di BsNews con le notizie tematiche di politica

Segui la pagina di BsNews con le notizie tematiche di sport

Segui la pagina di BsNews con le notizie tematiche di cultura

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La seconda tassa di scopo (almeno negli annunci). Mentre i cittadini bresciani già pagano una pesante addizionale IRPEF come tassa specifica finalizzata a coprire il “debito Metrobus”, adesso tocca ai turisti, peraltro scarsini viste le recenti percentuali di copertura delle disponibilità negli alberghi ciottadini, darci una mano proprio per le attività legate alla loro presenza. Quasi dicessimo loro che non abbiamo i denari per riceverli e supportare degnamente la loro visita alla città. Pessima immagine istituzionale; era meglio generalizzare e sottintendere semplicemente che, come in tantissime altre città, i soldi pubblici scarseggiano sempre di più.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome