Due tonnellate di pesce illegale, sotto accusa grossisti e ristoranti

Mancato rispetto delle procedure Haccp, assenza di tracciabilità e prodotti scaduti le accuse che hanno portato al sequestro di oltre 2 tonnellate di pesce

0
Pesce
Pesce

Due ristoranti e tre grossisti sono finiti sotto la lente d’ingrandimento del Centro controllo area pesca della Direzione marittima di Venezia, che ha giurisdizione anche nella provincia di Brescia.

L’ente, in collaborazione con il settore veterinario delle Ats, ha quindi posto sotto verifica la filiera ittica della provincia di Brescia e in particolare della Valcamonica, dove in passato si sono concentrate sanzioni e sequestri di pesce illegale.

Mancato rispetto delle procedure Haccp, assenza di tracciabilità e prodotti scaduti hanno portato anche in questo caso al sequestro di oltre 2 tonnellate di pesce.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome