Donna obbligata a prostituirsi: il pm chiede oltre 6 anni di carcere per la cugina

La vittima si era decisa a denunciare soltanto quando la presunta aguzzina si era allontanata, recandosi in Africa dai parenti. La sentenza è attesa per il 23 gennaio

0

Sei anni otto mesi di carcere. A tanto ammonta la pena richiesta dalla pubblica accusa per una donna nigeriana di 46 anni, su cui pesano le accuse di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione. Secondo le informazioni raccolte dagli investigatori, infatti, la 46enne si era resa protagonista di pesantissime pressioni sulla cugina 35enne – anche minacciandola con riti di stregoneria – affinché si prostituisse per strada consegnandole il ricavato. La vittima si era decisa a denunciare soltanto quando la presunta aguzzina si era allontanata, recandosi in Africa dai parenti. La sentenza è attesa per il 23 gennaio.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome