Badante ubriaco picchia anziano invalido, arrivano i carabinieri

Un uomo di 47 anni cingalese è stato arrestato a Cazzago San Martino perchè, ubriaco, è stato sorpreso a malmenare un anziano di 77 anni

0
Un'anziana disperata
Un'anziana disperata

Approfittava dell’assenza dei familiari delle sue vittime per prendersela con loro e picchiarle. Un uomo di 47 anni di origine cingalese – la notizia è riportata da Il Giorno Brescia – è stato arrestato a Cazzago San Martino perchè, ubriaco, è stato sorpreso a malmenare un anziano di 77 anni.

Da circa una settimana lo straniero lavorava per il 77enne e avrebbe dovuto prendersene cura. Invece lunedì, in preda all’alcol, se l’è presa con lui, colpendolo con pugni e oggetti vari, tra cui anche quelli utilizzati per la raccolta delle urine. L’assistito, costretto a letto perchè invalido, non avrebbe in alcun modo potuto difendersi.

Rientrati a i familiari hanno trovato il 77enne con gli evidenti segni del pestaggio, mente lo straniero era nella sua camera ancora sotto l’effetto dell’alcol. Non riuscendo in alcun modo ad allontanare l’uomo, i parenti della vittima sono stati costretti a chiamare i carabinieri.

Il 47enne si è poi scagliato anche contro di loro, insultandoli e colpendoli. I militari hanno trovato nella sua stanza diverse bottiglie di alcolici vuote.

Dopo esser stato bloccato, l’uomo e’ stato arrestato per le lesioni cagionate e resistenza a pubblico ufficiale. Processato al tribunale di Brescia con rito direttissimo è stato riconosciuto colpevole e gli è stata vietata la dimora nel comune di Cazzago San Martino.

L’uomo aveva già precedenti per rapina, maltrattamenti e violenza in famiglia.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome