Torbole Casaglia, il Comune rimette a nuovo l’illuminazione pubblica

Con la delibera di giunta del 20 febbraio 2019 l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberta Sisti ha dato il via alla riqualificazione dell'illuminazione pubblica

0
Lampione, foto generica
Lampione, foto generica

Torbole Casaglia avrà una illuminazione pubblica più efficiente e meno costosa. Con la delibera di giunta del 20 febbraio 2019 l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberta Sisti ha dato il via alla riqualificazione dell’illuminazione pubblica. Un anno fa il 20 febbraio 2018 il comune ha riscattato la parte degli impianti che erano ancora di proprietà Enel Sole.

Dopo aver valutato varie offerte presenti sul mercato sia in termini di qualità sia in termini di durata della gestione, la scelta ha visto l’affidamento alla ESCO “Citelum”, la società ha verificato sul territorio la consistenza degli impianti esistenti e ha sviluppato un progetto di riqualificazione che prevede la sostituzione di tutti i corpi illuminanti con quelli a led. Sul territorio sono presenti 1500 punti luce molti di vecchia generazione. Citelum realizzerà l’intervento e sarà il gestore per 9 anni.

La spesa annua prima dell’affidamento al gestore era di 225mila euro più iva fra costo dell’energia e la manutenzione. Il canone annuo da riconoscere al gestore per 9 anni sarà di 174mila euro più iva all’anno, con un risparmio immediato del 23% per i prossimi otto anni.

Alla scadenza della convenzione ossia fra otto anni il canone sarà di 80 mila euro più iva, il risparmio rispetto ad oggi arriverà al 64%.

“A giorni inizieranno i lavori di sostituzione dei punti luce – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Mauro Ometto – e verranno installati i corpi a led di ultima generazione. Inizia una nuova era per l’illuminazione pubblica di Torbole Casaglia. Verranno sostituiti e razionalizzati i quadri elettrici e saranno installati i contatori che misureranno il reale consumo di energia, con lo scopo di risparmiare notevolmente sulle bollette”. Attualmente i punti luce sono gestiti prevalentemente senza contatore e di conseguenza l’energia elettrica non è quantificata in base al consumo reale ma a “forfait”.“Il costo energetico con i nuovi impianti sarà circa un terzo rispetto alla spesa attuale – commenta il sindaco Roberta Sisti -. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di avere per la propria comunità una migliore illuminazione, la messa a norma degli impianti e un notevole risparmio energetico, ottenendo un beneficio visivo ed economico. Il risparmio che avrà il Comune si tramuterà in maggiori servizi e opere sul territorio. L’iter è durato parecchi mesi ma i frutti di questo lavoro porteranno benefici alla comunità per i prossimi 20 anni”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome