Contrabbando di alcolici, nella truffa internazionale anche una distilleria bresciana

Il giro d'affari illecito emerso da un'inchiesta della Guardia di Finanza di Udine coinvolge anche una distilleria bresciana

0
Bottiglie di superalcolici
Bottiglie di superalcolici

Una presunta truffa da 80 milioni di euro e quasi 180 milioni di litri di alcolici. Sono questi i numeri del giro d’affari illecito emerso da un’inchiesta della Guardia di Finanza di Udine che coinvolge anche una distilleria bresciana.

Gli alcolici non solo venivano spostati da un deposito all’altro, ma erano poi pure venduti senza che vi si pagasse le accise comunitarie.

Al momento sono 20 le persone destinatarie di misura cautelare, ma il giro è ampio e coinvolge l’Italia e altri Paesi del Nord Europa e non solo. Ad emergere una vera e propria organizzazione criminale transnazionale, capace di movimentare grossi quantitativi di whisky, gin e vodka. Tra coloro che vengono considerati gli ideatori della truffa un brittanico di origine indiana di 63 anni e un italiano, brindisino, che al momento è ricercato.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome