Vuole il reddito di cittadinanza e prende a schiaffi l’impiegato Inps

Il lavoratore, si legge, è finito al pronto soccorso per lesioni e sono state chiamate le forze dell’ordine

0
Schiaffo, foto generica da Pixabay

Brutto episodio di aggressione ai danni di un dipendente pubblico, nella giornata di ieri, a Montichiari. A denunciarlo è una nota dei sindacati, secondo cui un uomo sarebbe entrato nell’ufficio arrivando fino alla zona riservata al personale e affermando di avere un appuntamento per il reddito di cittadinanza. Quindi – di fronte al rifiuto dei dipendenti Inps – avrebbe sferrato un ceffone ad un lavoratore che lo stava accompagnando alla porta per poi prendere a calci la vetrina dell’ufficio.

Il lavoratore, si legge, è finito al pronto soccorso per lesioni e sono state chiamate le forze dell’ordine.

“Questa è una storia di ordinaria follia – commenta la nota dei sindacati – La follia della pubblica amministrazione che lascia i lavoratori soli davanti alle richieste della cittadinanza, sempre più pressanti ed urgenti a causa del clima sociale ed economico  che si vive. Li lascia così soli e senza strumenti, senza personale a sufficienza per esaurire la domanda di servizio pubblico. ALL’INPS di Brescia manca il personale, se non arriveranno risorse nuove i servizi sono a rischio chiusura.   I lavoratori con RSU e OOSS si stanno già mobilitando da tempo per denunciare questa drammatica situazione che i dati, riportati all’opinione pubblica  dall’ amministrazione stessa nella recente presentazione del Bilancio Sociale, hanno evidenziato. La RSU e le OOSS dell’INPS di Brescia – conclude il comunicato – esprimono solidarietà al collega aggredito nello svolgimento dell’attività lavorativa e auspicano che fatti del genere non succedano più anche in considerazione di altri fatti gravi già accaduti nel recente passato.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome