Caldo record, Balotta contro Trenord: aria condizionata spesso guasta

"La gestione della manutenzione non è quella che ci si attenderebbe da un'impresa industriale: il presidente della regione dovrebbe occuparsi anche di Trenord"

0
Treni, foto d'archivio
Treni, foto d'archivio

“In questi giorni Trenord è di nuovo al collasso. I numerosi treni soppressi su tutte le linee perché senza aria condizionata o con climatizzazione non funzionante mettono a dura prova la già provata resistenza dei pendolari lombardi”, a dirlo è – in una nota – Dario Balotta, esponente di Europa Verde e di Legambiente.

“Il gran caldo o la vetustà dei mezzi – incalza Balotta – non bastano a giustificare  la grave situazione di questi giorni: sotto accusa va messo il sistema di manutenzione dell’azienda e la sua organizzazione troppo dispersiva nella enorme officina di Fiorenza (340 operai). I dirigenti vengono cambiati troppo frequentemente, i pezzi di ricambio mancano, i turni sono inadeguati, le costosissime manutenzioni delle aziende costruttrici non bastano, e così spesso anche i nuovi treni a due piani si ritrovano con l’ aria condizionata guasta. A Brescia – incalza – 4 automotrici diesel con aria condizionata funzionante sono ferme in officina. Sono state sostituite da altre automotrici provenienti da Cremona con a bordo i sistemi di sicurezza che l’Agenzia di Sicurezza ferroviaria aveva chiesto da tempo di dotarsi”.

“La gestione della manutenzione non è quella che ci si attenderebbe da un’impresa industriale – tuona ancora Balotta – (…) Oltre che delle Olimpiadi invernali, il presidente della regione Attilio Fontana dovrebbe occuparsi anche di Trenord, e cercare di porre r rimedio alle criticità che danneggiano ogni giorno cittadini e pendolari. Mentre la crisi ambientale è allarmante”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome