Torna il Festival dei Sapori: cibo, vino e cultura protagonisti il 25 e 26 ottobre a Brescia

0
La sede del Mo.Ca nell'ex tribunale
La sede del Mo.Ca nell'ex tribunale

Il Festival dei Sapori spegne la sua seconda candelina. Il 25 e il 26 di ottobre Brescia diventa protagonista di una due giorni dedicata a cibo, e cultura.

Il Festival dei Sapori è l’evento per la valorizzazione della cultura enogastronomica della provincia di Brescia nel segno di East Lombardy, il progetto di promozione di un turismo e un’agricoltura sostenibili che il Comune di Brescia condivide con le amministrazioni di Bergamo, Cremona e Mantova. Tutti i produttori e i ristoratori protagonisti della manifestazione sono infatti aderenti alla rete East Lombardy.

Sostenibilità e attenzione ai cambiamenti climatici caratterizzano questa edizione, realizzata in collaborazione con Slow Food Brescia: non solo la manifestazione è completamente plastic free, ma prevede laboratori didattici, mostre e incontri per sensibilizzare i partecipanti; tutti gli utili saranno inoltre destinati alla formazione di almeno un nuovo orto nell’ambito del progetto “10.000 orti in Africa” e a sostegno del progetto “Food for Change”. L’attenzione all’ambiente si tradurrà, infine, anche nella posa di un “Punto Acqua”, spillata direttamente dall’acquedotto bresciano, per evitare l’utilizzo di bottigliette di plastica.

Se la prima edizione aveva lo scopo di chiudere una fase del progetto East Lombardy questa seconda ha l’obiettivo di aprire una nuova  tappa dedicata alle sinergie virtuose e alla sperimentazione. Si conferma l’importante ruolo di vetrina per i produttori, con il mercato che si terrà tutta la giornata del sabato e per l’enogastronomia locale, con il percorso previsto per venerdì sera, che vedrà protagoniste 12 cantine e 14 trattorie aderenti al progetto.

Ospite speciale della manifestazione sarà la città gemellata di Logroño (Spagna), che torna a far degustare i vini della Rioja che saranno abbinati anche alla casoncellata di sabato sera.

Novità di quest’anno, pizze e birre artigianali: sabato durante il mercato e fino a sera si potranno degustare pizze realizzate con  prodotti  del territorio e presidi Slow Food e birre di 3 birrifici artigianali, tra cui anche  un agribirrificio.

La musica avrà uno spazio nella rassegna con due concerti: venerdì sera si esibirà la giovanissima ed energetica brass band dei Big Oy Day, sabato sera sarà la volta della ricerca raffinata di Moai, una formazione di musicisti eclettici e valentissimi.

Due giorni, dalle 9 alle 23, in un contesto d’eccezione quale il Mo.ca. (Ex tribunale), luogo di  sperimentazione  e  laboratorio  innovativo,  possibile fucina per la Brescia del Futuro.

Il palinsesto confezionato per questa seconda edizione  alterna  con armonia momenti di approfondimento culturale organizzati in collaborazione con Slow Food come il “Rilancio del Marrone Bresciano e recupero della bilina”, laboratori didattici sui cereali, miele e api e cambiamento climatico e la presentazione del nuovo progetto dell’associazione “Costruendo Ruraropoli. Il meglio della sostenibilità incontra la città” a degustazioni e ristorazione d’eccellenza.

Grazie alla collaborazione col progetto Valli Resilienti- Prealpi bresciane e con Nuova Orceania, con la conduzione di Marino Marini e Carlos Mac Adden si terrà anche la presentazione del secondo ricettario delle Valli Resilienti e la presentazione/degustazione dei piatti vincitori  del 2°Concorso provinciale dei casoncelli bresciani.

Tra un assaggio e una conferenza saranno aperte e visitabili tre imperdibili mostre: “Fare CIBO. Il solo gesto esprime la vita”. (G. Lukàcs) Fotografie di Fabrizio Ferri; “Luna, l’astro e l’estro” a cura di Renato Corsini, Elena di Raddo e Albano Morandi; Collezione permanente MACOF – Centro della Fotografia Italiana.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome