Carte benzina clonate, condannata la banda dei moldavi

0
Polizia in azione
Polizia in azione

E’ finita nei giorni scorso con quattro condanne – da 2 anni e tre mesi fino a 4 anni e dieci mesi – la vicenda delle carte carburante clonate da una banda di moldavi di cui erano stati vittime diversi automobilisti e la stessa di Stato.

Tutto era iniziato nell’aprile del 2018, quando la Polizia Stradale di Verona Sud si era accorta di pagamenti anomali con alcune tessere carburante in dotazione a quel reparto. Le indagini, effettuate in collaborazione con la Stradale di Brescia, hanno permesso di stabilire che i prelievi erano stati effettuati dal conducente di un furgone con targa straniera.

Nel mese di luglio, quindi, personale della Questura di Brescia, era riuscita a individuare il luogo in cui era nascosto il furgone e a identificare l’utilizzatore, un moldavo di 27 anni denunciato a piede libero.

Contemporaneamente una seconda indagine della Squadra Reati Informatici della Procura di Brescia, a ottobre 2018, ha portato all’arresto  del cittadino moldavo e di un suo connazionale per le ipotesi di reato di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento.

Il lavoro degli inquirenti della Polstrada bresciana e veronese è quindi proseguito fino a individuare una banda criminale di moldavi che clonava le carte – posizionando skimmer ai distributori – e le rivendeva sotto costo a persone compiacenti. Le carte sono ovviamente state bloccate.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome