Basket, blitz di Brescia nella Capitale: Roma stesa 53-83

0
La Germani Brescia vince a Roma - foto da ufficio stampa
La Germani Brescia vince a Roma - foto da ufficio stampa

Intensa, viva, bella: quant’è bella la Germani in versione natalizia. Sul campo della neopromossa Virtus Roma, nella Città Eterna, eterna è una Leonessa, che sciorina una performance al limite della perfezione, dando una spallata decisiva ad una diretta concorrente per la corsa a quello che è il secondo obiettivo stagionale bresciano: le Final Eight di Coppa Italia.

Cavalcando il suo miglior momento, pochi giorni dopo essersi regalata l’accesso alle Top 16 di EuroCup, Brescia è ancora una volta autrice del proprio destino e con passo netto e deciso pone un altro tassello a colorare il bellissimo mosaico della propria stagione. 53-83 è il punteggio finale di una sfida mai davvero iniziata per la squadra di casa, che fin dalle prime battute subisce l’energia, la velocità di esecuzione e i pronti riflessi di una Germani solida e ambiziosa: ancora una volta Brescia dimostra di avere grandi sogni e, nel mirino, grandi traguardi.

Scaldati i motori, i ragazzi di coach Esposito spingono il piede sull’acceleratore fino ad intascare un fiducioso +10 già al termine del primo quarto, affrontato a viso aperto sin dai primi minuti. La Virtus perde la rotta e fatica terribilmente a ritrovarsi: in balia di se stessa per le scarne percentuali realizzative e intrappolata nella fittissima ragnatela difensiva bresciana, la squadra capitolina incassa l’ondata di una Germani che punta a chiudere la sfida quanto prima, trovando un +19 alla fine del primo che in quest’ottica è certamente di buon auspicio.

Se il tempo è galantuomo, grandi sono i meriti di Ojars Silins. Pur inserito nei meccanismi della Leonessa da pochissimi giorni, il lettone è straripante nel primo tempo, nel quale piazza 4 triple, una più preziosa dell’altra, dà i via al break decisivo che conduce Brescia all’allungo e dimostra ancora una volta che con i giocatori sia necessario avere pazienza, senza dare giudizi troppo affrettati.

La seconda metà di gara corre ancora spedita in direzione Brescia, viaggiando praticamente a binario unico. La Virtus prova a rientrare ma deve fare i conti con una Germani coriacea, che non placa la propria sete di punti e macina canestri su canestri, allargando la forbice del divario nel punteggio fino al +23, profondo gap con il quale si chiude il terzo quarto. L’ultimo periodo è praticamente accademia per i bresciani, ai quali è affidato il solo compito di gestire con lucidità e concentrazione il tesoretto messo in cassaforte. Senza indugi né patemi, Brescia chiude a chiave il bottino e si gode la magica notte romana.

Il Natale, dunque, è particolarmente caldo e dolce in casa Germani, che potrà festeggiarlo con i propri cari sulla scia di una serie di risultati positivi che scaldano il cuore e allargano il sorriso dei propri tifosi. Come sempre, però, i festeggiamenti dureranno poco: giovedì 26 dicembre, infatti, arriverà già il momento di tornare in campo, affrontando il derby con la Vanoli Cremona.

“Più che dati statistici, a me interessava questa sera vedere un determinato atteggiamento da parte della mia squadra – spiega coach Vincenzo Esposito a fine partita -. Subito dopo la gara di EuroCup con Nanterre, abbiamo avuto dei problemi fisici, nonostante i quali avevo chiesto ai ragazzi di giocare una partita importante a livello difensivo e controllata dal punto di vista dell’attacco, contro una squadra in un buon momento e che fa del gioco in area, dei rimbalzi e della forza fisica uno dei propri punti di forza”.

“I miei ragazzi stasera si sono superati e questo mi inorgoglisce, perché ormai non si può più parlare di gruppo, bensì di una squadra vera e propria a tutti gli effetti – prosegue il coach della Germani -. È una squadra che sa affrontare i momenti di difficoltà e, offensivamente parlando, riesce ad avere un protagonista diverso in ogni partita, in ogni tempo e in ogni quarto. Anche dal punto di vista difensivo trovo che abbia raggiunto una solidità importante e, nonostante stiamo lavorando insieme da poco più di quattro mesi, ha un’identità ben precisa e questo è motivo di soddisfazione”.

“Adesso godiamoci la vittoria, celebriamo il Natale con le persone a noi care e poi ci concentriamo sulla gara casalinga contro Cremona che potrebbe valere, molto probabilmente, l’accesso alle Final Eight di Coppa Italia – conclude Esposito -. Un altro obiettivo importante che vogliamo provare a raggiungere già a partire dalla prossima gara”.

VIRTUS ROMA-GERMANI 53-83 (15-25, 28-47, 40-63)

Virtus Roma: Cusenza ne, Moore ne, Alibegovic 12 (5/8, 0/1), Rullo 8 (1/1, 0/2), Dyson 5 (1/3, 0/7), Baldasso 5 (1/3, 1/4), Pini, Farley ne, Spinosa ne, Jefferson 9 (2/9), Buford 9 (3/8, 1/3), Kyzlink 5 (1/6, 1/5). All: Bucchi

Germani Basket Brescia: Zerini, Warner 4 (1/2), Abass 13 (5/5, 0/3), Cain 12 (6/7), Vitali 9 (3/4, 1/4), Laquintana 4 (2/9), Lansdowne 14 (7/11), Veronesi, Silins 17 (1/1, 5/9), Guariglia 2 (1/3), Moss, Sacchetti 8 (1/1, 2/3). All: Esposito

Arbitri: Lanzarini, Bartoli e Borgo

Note: Tiri da 2: Roma 14/42 (33%), Brescia 27/46 (59%) | Tiri da 3: Roma 5/23 (22%), Brescia 8/19 (42%) | Tiri liberi: Roma 10/17 (59%), Brescia 5/7 (71%) | Rimbalzi: Roma 40 (25 RD, 15 RO), Brescia 44 (37 RD, 7 RO)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome