Qual sarà il futuro delle criptovalute nel 2020?

Il 2020 si preannuncia un anno fruttuoso e ricco di opportunità per chi ha scelto di investire nel mondo delle criptovalute...

0
Criptovalute a Brescia
Criptovalute a Brescia

Il 2020 si preannuncia un anno fruttuoso e ricco di opportunità per chi ha scelto di investire nel mondo delle criptovalute. A partire dall’attesissimo Libra coin, la moneta virtuale associata ai grandi social media (Facebook e Instagram), ai più classici ma sempre solidissimi Ethereum e , il mercato delle valute digitali è in continua e costante espansione, e c’è già chi dice che sia destinato a sorpassare i mercati delle valute tradizionali. Tuttavia, il mondo delle criptovalute non è esente da pericoli, specialmente per i meno esperti che vogliono avventurarsi in questo mondo senza le dovute precauzioni. Andiamo dunque a vedere cosa prospetta il 2020 per il mercato della finanza digitale.

Bitcoin

La moneta dei Social Media – il Libra Coin

Il Libra Coin è una nuova criptomoneta annunciata in arrivo per la metà del 2020, idealmente allo scopo di colmare il cosiddetto “digital divide” che separa i quasi 2 miliardi di persone che non possono avere accesso ai servizi bancari tradizionali (unbanked). Orientata quindi a soddisfare le esigenze di un vasto numero di giovani adulti per l’appunto unbanked, il consorzio Libra Association punta a fornire una valuta che gestirà le transazioni monetarie che avvengono nei vari social e in numerosi altri servizi online. Fra questi infatti, oltre ai ben noti Facebook e Instagram, sarebbe prevista un’associazione con numerose realtà digitali come Spotify, Uber, eBay, PayPal, Vodafone, Iliad, Kiva, e tanti altri grossi nomi.

Va comunque detto che, nonostante il grande potenziale, il Libra Coin non sembra aver attratto grandi consensi finora. Secondo recenti sondaggi infatti, appena il 5% degli intervistati avrebbe mostrato interesse nel Libr Coin, confrontato contro il 40% che ha dichiarato di fidarsi maggiormente del Bitcoin. Il dato interessante è che il sondaggio includeva solo giovani adulti fra i 18 e i 24 anni – esattamente il target che il Libra Coin punta idealmente a raggiungere.

Le altre criptovalute tradizionali

Al di là delle nuove criptovalute future e delle loro promesse, anche le monete digitali “classiche” come l’Ethereum e il Bitcoin si preannunciano in crescita durante il 2020. In particolare l’Ethereum, che al momento ha un valore di $270, sembra essere quella con le maggiori prospettive di crescita previste. Alcuni analisti hanno perfino indicato questa criptomoneta come l’unica con un potenziale tale da poter raggiungere il Bitcoin, addirittura entro lo stesso anno secondo le previsioni più rosee.

Il Bitcoin continua invece a mantenere una posizione dominante molto solida. Nonostante gli alti e bassi degli anni passati, nel 2019 la situazione sembra essersi stabilizzata, con un valore stimato a $11,700. Trattandosi di una vera e propria garanzia in termini di investimento, è quindi molto probabile che nel 2020 il Bitcoin continuerà a crescere man mano che i vari traders continueranno a preferirla ad altri investimenti più rischiosi.

Fra le altre criptovalute con il maggior potenziale di crescita nel 2020, non possiamo non menzionare il Ripple. Finora questa valuta ha sempre stentato ad ottenere il riconoscimento che probabilmente merita, dato che si tratta della tecnologia che garantisce il riconoscimento delle transazioni finanziare più veloce al mondo. Sebbene il suo valore al momento sia relativamente basso a $0.33, secondo alcune indiscrezioni Visa e Western Union potrebbero decidere di abbracciarne la tecnologia, portando ad un incremento esponenziale del suo potenziale.

Criptovalute

Gli aspetti negativi del mercato delle criptovalute

Il mercato dei Bitcoin e delle altre criptovalute, però, è anche un terreno fertile per affari ben più loschi. Poiché molte delle aziende che operano in questo settore non rientrano fra i destinatari delle più recenti (e restrittive) normative antiriciclaggio, è facile approfittarne per chi si muove ai limiti della legge. La Guardia di Finanza ha infatti scoperto numerose operazioni sospette legate ad azioni terroristiche e ad imponenti manovre di evasione fiscale e riciclaggio di denaro sporco.

I bitcoin e le criptovalute che si appoggiano alla tecnologia blockchain garantiscono a chi le utilizza un livello di anonimato altrimenti impossibile da ottenere con lo scambio delle valute tradizionali. Per questo motivo, diversi criminali che operano nel dark web hanno utilizzato queste monete per trasferire grosse quantità di denaro senza lasciare traccia, finanziare organizzazioni terroristiche, e favorire il commercio di droga, medicinali contraffatti e armi. E’quindi molto probabile che il 2020 vedrà le autorità nazionali e internazionali impegnate nel dare un ulteriore giro di vite alla regolamentazione in merito alle valute digitali. Paesi come la Francia o Singapore hanno già creato normative specifiche, mentre in altre nazioni come la Cina e la Corea del Sud le criptovalute sono state dichiarate completamente illegali.

Conclusione

Il 2020 si preannuncia un anno di cambiamenti per le criptovalute, anche se è difficile immaginarsi si tratti di un anno particolarmente rivoluzionario. Molte delle trasformazioni principali del mondo del Blockchain sembrano trascinarsi a fatica, ed è ancora difficile superare la barriera di sfiducia che circonda il mondo delle valute digitali.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome