Attenzione alla Pec malevola di sollecito: contiene un virus

A chi scrive quella mail è arrivata da un indirizzo certificato del Fofi, la Federazione Ordini farmacisti Italiani, che ovviamente è solo vittima della vicenda

0
Mail truffa, foto generica da Pixabay

Nelle scorse ore i server di Aruba hanno rilevato l’invio di email PEC malevole da e verso indirizzi certificati. A chi scrive quella mail è arrivata da un indirizzo certificato del Fofi, la Federazione Ordini farmacisti Italiani, che ovviamente è solo vittima della vicenda (resta da capire, poi, se si trattasse di un casella di posta hackerata o di un messaggio inviato con emulatori). Il messaggio era questo:

Spett.li Clienti
Vi contattiamo per segnalarvi che sul vostro conto vi sono alcuni pagamenti scaduti e rimettiamo alla vostra attenzione il corrispondente sollecito MT72610198137 in allegato. Nel caso in cui necessitiate di ulteriori informazioni non esitate a contattarci. Attenzione: questo invio e automatico e non e possibile rispondere direttamente a questo indirizzo e-mail.

COME RICONOSCERE CHE SI TRATTA DI UN VIRUS?

La cosa più semplice è domandarvi se avete mai avuto a che fare con quella realtà: se non la conoscete accendete subito un campanello d’allarme. I più esperti sul versante tecnico possono poi controllare l’allegato, che contiene due file: un pdf (che non si apre) e un secondo file .exe (un programma contenente un virus, con cui i malviventi prendono il controllo del vostro computer).

COSA FARE SE SI RICEVE UNA PEC SOSPETTA?

Il consiglio per tutti, è quello di prestare la massima attenzione ai messaggi ricevuti anche da Pec e non aprire mai eventuali allegati.
  • Non scaricare o aprire gli allegati di mittenti sconosciuti;
  • Non cliccare link se non si è sicuri che la URL a cui fanno riferimento sia lecita;
  • In caso di allegati on eseguire le macro dei documenti Microsoft Office;
  • Eseguire una scansione antivirus della propria postazione con software aggiornato;
  • Evitare di salvare la password della propria casella PEC sui dispositivi, di comunicarla a terzi e di utilizzarla per altri accessi.
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome