Tremosine, padre e figlio bracconieri nei guai

Durante la perquisizione è stato scoperto che il 58enne aveva la licenza di caccia sospesa, mentre il 29enne aveva munizioni non dichiarate

0

Un altro caso di bracconaggio si è verificato in provincia di Brescia nella giornata di ieri, domenica 19 gennaio, a Tremosine.

Gli agenti della polizia provinciale si trovavano nel parco dell’alto Garda per liberare un capriolo (trovato ferito alcuni giorni prima a Salò) quando hanno sentito tre colpi di arma da fuoco. Qualche istante dopo, i due agenti, hanno individuato due persone – padre e figlio di 58 e 29 anni – che si muovevano in modo sospetto e hanno quindi deciso di perquisire il loro mezzo sul quale hanno trovato una carabina con ottica di precisione, tre proiettili e varie attrezzature da bracconaggio.

Durante la perquisizione è stato scoperto che il 58enne aveva la licenza di caccia sospesa, mentre il 29enne aveva munizioni non dichiarate. Il materiale è stato sequestrato mentre per i due sono scattate diverse denunce: concorso di caccia senza licenza, porto illegale d’arma in una zona vietata, detenzione e utilizzo di munizioni non denunciate e omessa custodia di armi e munizioni.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome