Sardine Brescia, raccolti 6mila euro per il flash mob del 25 – IL PROGRAMMA

Gli organizzatori: "Eventuali eccedenze saranno devolute ad un progetto sulle vittime del terrorismo supportato dalla Casa della Memoria di Brescia"

2
La manifestazione delle Sardine in piazza Vittoria, foto Emilio Del Bono

Circa 6mila euro. E’ questa la cifra che hanno raccolto fino ad oggi i sostenitoori bresciani del movimento anti-salviniano delle per finanziare l’evento programmato per sabato 25 gennaio – dalle 18 – in piazza Vittoria, a Brescia. Un flash mob dedicato al ricordo, che ha fatto discutere soprattutto per l’adesione della Casa della memoria, finita per questo nel mirino di Lega e Forza Italia (qui la replica del movimento).

Le tematiche trattatate durante l’evento – si legge in una nota, che ancora una volta non porta nomi e cognomi nelle firme – saranno: diritti e Costituzione; multiculturalità e immigrazione; donne e lavoro; sicurezza e ambiente. Interverranno: Giovanni Dotti (docente di Sociologia della Globalizzazione all’Università Cattolica di Brescia); Elisabetta Donato (sociologa); don ; Francesca Parmigiani (Anpi); Donatella Albini (per Mediterranea Saving Humans); l’avvocato Pietro Garbarino (Libertà e Giustizia); Angelica Andretto (per Fridays For Future) e Abi Gaye (per Associazione Diritti per Tutti). Nomi che, in buona parte, sembrano far riferimento a ciò che è collocato a sinistra del Pd bresciano.

L’evento, come detto, ha costi tecnici previsti per 7.500 euro: on line, nella raccolta fondi lanciata tramite la piattaforma Eppela, ne sono stati raccolti 5.930. “Tutte le spese – promettono gli organizzatori – saranno tracciate, comprensive di Iva e rese pubbliche sulla pagina FB Sardine Brescia. Eventuali eccedenze saranno devolute ad un progetto sulle vittime del terrorismo supportato dalla Casa della Memoria di Brescia”.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Si leggono nomi noti della sinistra ecologista, antagonista, ecc… Magari sbaglio, visto che non riesco a capire fino in fondo questo movimento, ma mi sembrano i classici scioperi dei ragazzi delle superiori degli ultimi trent’anni patrocinati dalla solita sinistra superstite degli anni Settanta, tipo democrazia proletaria di Mario Capanna (a proposito che fine ha fatto?)….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome