🔴 Brescia, 112 in difficoltà per il Coronavirus: non chiamate per chiedere informazioni

Il consiglio per tutti, dunque, è di evitare di chiamare il 112, se non in caso di sintomi influenzali gravi (come febbre alta e difficoltà respiratorie)

238
Centralino telefonico, foto da Pixabay

Sono state ben 14mila, nella sola giornata di ieri, le telefonate al 112 gestite dalla centrale di emergenza-urgenza Areu di Brescia a causa del panico da (Covid-19). Contemporaneamente ne sono state registrate altrettante a Milano e 11mila a Varese, le altre due sedi regionali del servizio. Con il risultato che i tempi di attesa si sono allungati anche fino a due minuti.

Il problema, secondo quanto riferisce Varesenews, è che molto spesso si tratta di telefonate fatte esclusivamente per avere informazioni sul Coronavirus e non per segnalare casi concreti, come invece disposto dalle autorità. Allungando i tempi per chi deve comunicare emergenze.

Il consiglio per tutti, dunque, è di evitare di chiamare il 112, se non in caso di sintomi influenzali gravi (come febbre alta e difficoltà respiratorie). In quel caso potrebbe si potrebbe trovare la linea occupata per breve tempo e bisogna attendere. Per tutto il resto è possibile chiamare il numero 1500, attivo h24.

PER EMERGENZE O SINTOMI INFLUENZALI GRAVI

(non recatevi ai pronto soccorso o negli ambulatori medici)

TELEFONARE AL 112

PER AVERE INFORMAZIONI SUL CORONAVIRUS

TELEFONARE AL NUMERO GRATUITO: 1500

NUMERO VERDE REGIONE LOMBARDIA: 800894545

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

INFORMAZIONI UTILI SUL CORONAVIRUS

MUSEI, CINEMA E SCUOLE CHIUSE: ECCO L’ORDINANZA

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

Sos, foto da Pixabay

 

Comments

comments

238 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome