Depuratore Lago di Garda, il M5S: “Regione vota per non parlarne in Consiglio”

La mozione impegnava il Presidente Attilio Fontana e la Regione Lombardia a "sostenere ed accogliere" "la richiesta del Ministero dell’Ambiente di una nuova valutazione e comparazione di costi e benefici di tutte le alternative progettuali

0
La sede della regione Lombardia, foto BsNews
La sede della regione Lombardia, foto BsNews

“Non urgente”. Con la motivazione della “non urgenza” dell’atto, il Consiglio regionale di ieri ha ritenuto, con un voto contrario, di non discutere una mozione del M5S Lombardia sul depuratore del Lago di Garda. “L’urgenza – scrivono i grillini in una nota – era però motivata dall’imminenza dalla riunione della Cabina di Regia ad oggetto ‘il progetto del nuovo depuratore del Garda’, alla quale parteciperanno Regione Lombardia e il Ministero dell’Ambiente programmata per domani 27 febbraio.

La mozione impegnava il Presidente Attilio Fontana e la Regione Lombardia a “sostenere ed accogliere” “la richiesta del Ministero dell’Ambiente di una nuova valutazione e comparazione di costi e benefici di tutte le alternative progettuali, anche di quelle finora non considerate nello studio dell’Università di Brescia commissionato dal Gestore Acque Bresciane, ovvero la sospensione dell’attuale iter autorizzativo del progetto”. Ancora, M5S chiedeva di “focalizzare l’attenzione, in sede di prossimo incontro della Cabina di Regia, sulla scelta dell’ubicazione del o degli impianti di depurazione nonché dell’ubicazione dello scarico e a considerare in ogni modo il massimo livello di tecnologia oggi esistente, indipendentemente da quale sarà il sito di ubicazione”.

Dino Alberti, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “Lo scorso 20 febbraio una delegazione di sindaci ha incontrato i funzionari del Ministero dell’Ambiente ottenendo l’impegno di richiedere, nella prossima riunione della cabina di regia prevista per il 27 febbraio, la valutazione e comparazione di costi e benefici di tutte le alternative progettuali per il depuratore del Garda. Era necessario votare e approvare la nostra mozione perché la Lombardia, come chiedono gli amministratori del territorio, tenesse la stessa posizione dei sindaci e del Governo in cabina di regia. L’emergenza da coronavirus non sia un pretesto per il centrodestra per non prendersi la responsabilità di valutare soluzioni alternative al depuratore così come progettato. Ora la cabina di regia sarà un salto nel buio e la mancata discussione del nostro atto, di fatto, ha esautorato il Consiglio regionale dal suo ruolo di indirizzo e controllo di quello che fa il Presidente Fontana e la sua Giunta regionale. Mi auguro che in ogni caso la regione mantenga lo stesso orientamento dei sindaci che rappresentano direttamente tutti i cittadini che avranno a che fare con un’opera che, così come concepita, avrà un impatto non indifferente sul territorio e sull’ambiente”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome