🔴 Coronavirus, pericolo per anziani maschi: solo lo 0,1% dei morti sotto i 50 anni

La maggior parte dei decessi (42.2%) si è verificato nella fascia tra 80 e 89 anni, il 32.4% tra 70 e 79, il 14,1% sopra i 90

3
Un medico, foto generica
Un medico, foto generica

Il Coronavirus è un pericolo quasi esclusivamente per gli , maschi e con diverse patologie pregresse. A dirlo è ol primo report dell’Istituto Superiore di Sanità sui morti che avevano contratto il COVID-2019, basato su 105 pazienti italiani deceduti al 4 marzo.

Dai dati emerge chiaramente che l’età media di coloro che hanno perso la vita è di 81 anni (61 quella dei malati) e che di questi circa un quarto sono donne (il 26,7 per cento).

La maggior parte dei decessi (42.2%) si è verificato nella fascia tra 80 e 89 anni, il 32.4% tra 70 e 79, il 14,1% sopra i 90, l’8.4% tra 60 e 69, e il 2.8% tra 50 e 59. Nove vittime su dieci (88,7%) hanno più di 70 anni, l’97,1% più di 60, 99,9 più di 50. Solo lo 0,1 per cento ha meno di quest’età, e dunque i giovani non corrono sostanzialmente pericoli.

E’ da segnalare inoltre che 15.5% presentava 0 o 1 patologie, il 18.3% 2 patologie e il 67.2% 3 o più patologie. Le patologie più presenti nei deceduti erano ipertensione (74,6% del campione), cardiopatia ischemica (70,4%) e dal diabete mellito (33,8%).

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

+++ CORONAVIRUS I DIVIETI E LE LIMITAZIONI FINO ALL’8 MARZO

+++ CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE FINO AL 15 MARZO

++ CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

+ INFORMAZIONI UTILI SUL CORONAVIRUS

+ 112 IN DIFFICOLTA’: NON CHIAMATE PER CHIEDERE INFORMAZIONI

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome