Coronavirus: di fronte all’emergenza alziamo lo sguardo | di Gian Antonio Girelli*

In queste ore difficili per tutti, con sentimenti altalenanti e senso di impotenza di fronte a un nemico così subdolo, cerco sicurezza provando ad alzare lo sguardo

1
Gianantonio Girelli, opinionista BsNews.it

di Gianni Girelli – In queste ore difficili per tutti, con sentimenti altalenanti e senso di impotenza di fronte a un nemico così subdolo, cerco sicurezza provando ad alzare lo sguardo. Per questo anche tra noi vale la pena elevare il livello della discussione, che non può esaurirsi nelle polemiche sterili tra Istituzioni, tra chi arriva primo nell’accaparrarsi sul mercato i dispositivi medici. 

Innanzitutto voglio confermare che mi conforta l’approccio del nostro al contrasto della pandemia di Covid-19. Rispetto al modello simil bellico paventato inizialmente di alcuni Paesi, che punta a non contrastare la diffusione ma a curare i malati (col rischio di migliaia di vittime e la quasi sicurezza che nessun sistema sanitario nazionale sarà in grado di prestare le cure necessarie a un numero così alto di infetti), l’Italia, in linea con l’esempio cinese e sudcoreano, ha deciso fin da subito di arginare l’infezione con provvedimenti emergenziali e rigorosi di isolamento della popolazione. Abbiamo quindi optato per la vita delle persone, per la salvezza del maggior numero possibile di cittadini, a discapito – il tempo ci dirà a che costi – della nostra economia. Il nostro modello però differisce, mi preme sottolinearlo, da quello cinese per la nostra intrinseca umanità, per la nostra cultura, per la nostra civiltà. Per il nostro senso laico e cattolico insieme. Per noi il Paese si fonda sulla coesistenza delle generazioni. E di questo, ne sono fiero. E di questo vorrei che ci ricordassimo all’indomani della fine dell’epidemia. 

Questa pandemia ci sta insegnando che nessuno può sentirsi al sicuro dal punto di vista sanitario. Anzi, ad essere messe a dura prova sono le realtà più avanzate dal punto di vista scientifico e organizzativo. In questi giorni molti cittadini hanno riscoperto la straordinaria capacità degli ospedali pubblici: abbiamo medici, infermieri e scienziati tra i migliori al mondo. Ma chi è stato a chiamato a guidare la politica regionale negli anni passati ha favorito la nascita e lo sviluppo delle strutture private accreditate, depotenziando di conseguenza quelle pubbliche. Ed allora, ripensare all’organizzazione della sanità é oggi ancor più indispensabile di ieri. Dobbiamo avere la forza di riaffermare il primato del pubblico nel governo del privato, a cui va sì riconosciuta piena dignità, accompagnata però da altrettanta disponibilità a seguire quanto loro indicato. 

Infine credo che la riflessione vada portata a livello globale. Esiste la necessità di un dialogo continuo tra i sistemi dei vari Stati su ricerca, controllo, azioni e strategie. In un pianeta interconnesso, questa emergenza ci ha insegnato che l’unico vero grande confine è quello del mondo. Per questo oggi più che mai serve più Europa, non meno Europa. Una comunità rafforzata che collabori nel contrasto alle speculazioni, da quelle finanziarie a quelle raccapriccianti sui prezzi e lo smercio dei dispositivi medici, dove la criminalità organizzata ancora una volta si è fatta sentire. Ma un potere forte centrale serve anche contro i tanti Trump del mondo che pensano di poter comprare prototipi e vaccini per un uso nazionale e non mondiale. Scelte miopi, inutili. Il ha insegnato che la strada del futuro è la collaborazione: o ci si salva tutti o si perisce tutti. 

* Consigliere regionale Pd

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, TUTTA LA LOMBARDIA E’ ZONA ROSSA FINO AL 3 APRILE: DIVIETI

🔴 CORONAVIRUS, CHI PUO’ CIRCOLARE E CHI NO IN LOMBARDIA

🔴 CORONAVIRUS, COSA RISCHIA CHI CIRCOLA SENZA VALIDI MOTIVI (PARERE DELL’AVVOCATO)

🔴 CORONAVIRUS, SCARICA IL NUOVO MODULO PER L’AUTOCERTIFICAZIONE

🔴 CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE FINO AL 15 MARZO

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 112 IN DIFFICOLTA’: NON CHIAMATE PER CHIEDERE INFORMAZIONI

🔴 DICIAMO GRAZIE A MEDICI E INFERMIERI BRESCIANI

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

Ultimo aggiornamento il 5 Agosto 2020 15:26

Comments

comments

1 COMMENT

  1. • 2 miliardi di euro di tagli al personale sanitario tra il 2010 e il 2018.
    • 2.545 euro di spesa pubblica pro capite per la salute contro i 5.289 della Norvegia e i 5.056 della Germania.
    • 42.888 professionisti a tempo indeterminato in meno tra il 2010 e il 2018, una riduzione del 6,2%. In alcune Regioni il taglio complessivo è stato del 16,3%.
    Volevo chiedere a Girelli cosa ne pensa di questi tre dati e se tra il 2010 ed il 2018 il suo partito, cioè il PD, sia mai stato al Governo…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome