⚠️ CORONAVIRUS, le mascherine servono o no? Ecco la risposta ufficiale

Devo indossare una mascherina per proteggermi? Secondo l'Oms, dipende da che utilizzo concreto vogliamo farne, dalle nostre condizioni di salute e da quanto siamo esposti al Covid-19

180
Mascherine contro il Coronavirus, foto generica da Pixabay

“Devo indossare una mascherina per proteggermi?”. La domanda è contenuta nelle Faq sul presenti nel sito del Ministero della Salute e la risposta fornita agli utenti rimanda alla fonte più autorevole di tutte in materia: l‘Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità. La risposta – va precisato – non è ne sì, né no, ma: dipende. Dipende da che mascherina scegliamo (casalinga, chirurgica, Ffp1, FFp2 o Ffp3), da che utilizzo concreto vogliamo farne, dalle nostre condizioni di salute e da quanto siamo esposti al Covid-19.

Di seguito vediamo di chiarire bene cosa dicono le fonti ufficiali sull’utilità o meno delle e dei presidi medicali per evitare di diffondere il contagio da Coronavirus. Con una premessa: in questo momento le mascherine sono difficili da reperire sul mercato e dunque bisogna farne un uso consapevole e responsabile per evitare di sottrarre uno strumento utile a chi ne ha davvero bisogno.

MASCHERINE, COSA DICE L’OMS

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo Coronavirus e presenti sintomi quali tosse o starnuti o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus”, spiega il sito del ministero. L’Oms, precisiamo noi per completezza dell’informazione, consiglia l’utilizzo delle mascherine solo alla casistica indicata e – ovviamente – anche a tutti gli operatori sanitari.

MASCHERINE, INDOSSARLE NON BASTA

L’uso della mascherina, sempre secondo le fonti ufficiali, “aiuta a limitare la diffusione del Coronavirus”, ma “deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani”. In questo senso sono essenziali le buone pratiche di igiene di cui vi abbiamo già parlato in diversi articoli. Così come sono determinanti, per garantire protezione dal Covid, la scelta delle mascherine giuste (come i facciali filtranti FFP2 e FFP3, da preferire alle mascherine chirurgiche) e il rispetto delle indicazioni legate all’utilizzo massimo e a come si indossano correttamente le mascherine contro il Coronavirus (e come si usano gli altri presidi utili come igienizzanti, guanti etc).

MASCHERINE, QUALI SONO I RISCHI

Il rischio dell’utilizzo delle mascherine da parte di persone non preparate è quello di invalidarne l’efficacia. Le mascherine chiururgiche, infatti – se non usate correttamente – diventano completamente inefficaci. E potenzialmente pericolose, perché – come evidenziano gli esperti del ministero – possono favorire la diffusione del Coronavirus “a causa di un falso senso di sicurezza e di un maggiore contatto tra mani, bocca e occhi”.

MASCHERINE FATTE IN CASA: SONO INUTILI

“Non è consigliato l’uso di maschere fatte in casa o di stoffa (ad esempio sciarpe, bandane, maschere di garza o di cotone)”. Lo scrive il ministero e invitiamo tutti a seguire attentamente questo consiglio. Le mascherine fatte in casa, infatti, “non sono dispositivi di protezione e la loro capacità protettiva non è nota”. Inoltre le mascherine fatte in casa possono causare problemi di salute legati alla scelta di materiali non concepiti a tale scopo. Oltre che per i motivi di cui alla risposta precedente.

 

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, TUTTA LA LOMBARDIA E’ ZONA ROSSA FINO AL 3 APRILE: DIVIETI E NUOVI DIVIETI DEL 20 MARZO

🔴 CORONAVIRUS, CHI PUO’ CIRCOLARE E CHI NO IN LOMBARDIA

🔴 CORONAVIRUS, COSA RISCHIA CHI CIRCOLA SENZA VALIDI MOTIVI (PARERE DELL’AVVOCATO)

🔴 CORONAVIRUS, SCARICA IL NUOVO MODULO PER L’AUTOCERTIFICAZIONE

🔴 CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE FINO AL 15 MARZO

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 CORONAVIRUS, I DATI DEI MORTI BRESCIANI GIORNO PER GIORNO

🔴 CORONAVIRUS: IDENTIKIT DEI SOGGETTI A RISCHIO (FONTE ISS)

🔴 112 IN DIFFICOLTA’: NON CHIAMATE PER CHIEDERE INFORMAZIONI

🔴 DICIAMO GRAZIE A MEDICI E INFERMIERI BRESCIANI

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

20,00€
disponibile
2 nuovo da 20,00€
Ultimo aggiornamento il 23 Maggio 2020 22:30

Comments

comments

180 Commenti

  1. Buongiorno, sono un ExRSPP e secondo me le informazioni date sono corrette ma… c’è un ma.
    Il discorso del 93% o 97% di potere filtrante delle varie FPP2 o FPP3 è ottimo qualora quel potere filtrante abbassi la concentrazione dell’inquinante al di sotto di un livello di esposizione tale da essere “non pericoloso” per l’utente che lo utilizza.
    Ora tutti sanno che per ogni inquinante c’è un minimo livello di esposizione diciamo “tollerato” dal ns organismo che è stato Valorizzato.

    Es.
    Per far lavorare in una falegnameria un dipendente il datore di lavoro dopo indagine ambientale sceglie di dare come DPI una mascherina FFP3. Perchè? Perchè utilizzando una mascherina FFP3 il datore di lavoro sa che mantiene i limiti di esposizione (limiti INAIL) al di sotto di valori pericolosi.
    Quindi si è stabilito che il 97% di inquinante fermato dalla mascherina e il 3% di polvere di legno che invece viene respirato sono comunque tollerabili dall’operatore.
    Ora qualcuno ha mai visto un limite di esposizione “tollerato” per un virus?
    Per farla semplice… se vi dicessi che una bottiglia piena al 100% di virus liquido ne butto il 99%… secondo voi se mi bevo 1% non im ammalo?

    Ora secondo me è più giusto dire che utilizzando le mascherine si abbassa, ma di poco, la possibiltà di essere contagiati… ma che è molto ma moooooooolto meglio mantenere la distanza… quella si che è la migliore protezione contro il virus. Lavarsi le mani spesso… ecco secondo me bisogna far passare il messaggio che la mascherina è l’ultimissima barriera a cui fare ricorso in caso di estremo bisogno (ovviamente per medici, infermieri e personale medico il discorso è diverso).

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome