Caso Bozzoli, la procura chiede di processare il nipote Giacomo per omicidio premeditato

Il nipote è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e distruzione di cadavere. Secondo l'accusa avrebbe ucciso lo zio per questioni di denaro e poi avrebbe fatto sparire il cadavere

0
Mario Bozzoli
Mario Bozzoli e la fonderia in cui è scomparso

A oltre quattro anni da quello che a tutti, fin da subito, è sembrato un tragico delitto c’è una svolta. La Procura di Brescia, infatti, ha chiesto nelle scorse ore il rinvio a giudizio di Giacomo Bozzoli, nipote di : l’imprenditore di Marcheno scomparso in circostanze “misteriose” l’8 ottobre del 2015.

Il nipote Giacomo è accusato di volontario aggravato dalla premeditazione e distruzione di cadavere. Secondo l’accusa avrebbe ucciso lo zio per questioni di denaro e poi avrebbe fatto sparire il cadavere.

I magistrati, invece, hanno chiesto l’archiviazione per l’altro nipote, Alex Bozzoli, e per i due operai coinvolti nell’inchiesta, che erano accusati di aver nascosto agli investigatori quanto sapevano. Nel frattempo, però, restano da capire gli sviluppi sull’altra inchiesta collegata al caso: quella dell’operaio Giuseppe Ghiradini, morto nei boschi della Valcamonica in circostanze misteriose.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome