🔴 CORONAVIRUS, scontro di fuoco tra sindaci leghisti e Pd sulle colpe

Con una nota i sindaci leghisti di 26 Comuni della provincia di Brescia attaccano il primo cittadino del capoluogo Emilio Del Bono

2
Polemica, foto simbolica

E’ scontro tra i sindaci leghisti della provincia di Brescia e il primo cittadino del capoluogo .

Con una lunga nota, infatti, i sindaci di 26 comuni a guida Carroccio (Adro, Agnosine, Bione, Bovegno, Capriolo, Castel Mella, Castelcovati, Coccaglio, Concesio, Ghedi, Mairano, Marone, Montichiari, Montirone, Pertica Alta, Polpenazze del Garda, Pompiano, Pontevico, Prevalle, Remedello, Rezzato, Roccafranca, Torbole Casaglia, Travagliato, Verolanuova, Vestone) attaccano duramente Del Bono per le sue dichiarazioni contro la Regione (qui trovate l’intervista del sindaco di Brescia a BsNews.it).

“Siamo preoccupati per il sindaco Del Bono e per le sue affermazioni deliranti – attaccano i leghisti – Il primo cittadino si scaglia contro Regione Lombardia dicendo di aver lasciato il territorio bresciano a gestire da solo l’emergenza, quando invece dovrebbe prendersela con i suoi colleghi di partito che sono al Governo”.

Quindi i sindaci dell Carroccio chiedono a Del Bono: “Chi ha raddoppiato i posti in terapia intensiva in Lombardia? Chi ha avviato la produzione di mascherine chirurgiche? E ancora: chi ha istituito un fondo di garanzia per agevolare l’anticipazione di cassa a tutti i lavoratori per non farli rimanere senza soldi? Il Governo o la Regione Lombardia? È inaccettabile che Del Bono attacchi la Regione quando sa benissimo che noi lombardi abbiamo dovuto rimboccarci le maniche per sopperire alla totale assenza del Governo. Se non fosse stato per la Giunta Fontana oggi non avremmo neppure risorse per le famiglie per i mutui sulla prima casa, per lo smart working, strumento indispensabile oggi per moltissime aziende, e per le forze di Polizia locale che ovviamente oggi sono ancora più fondamentali per controllare il territorio. Vorremmo, inoltre, ricordare a Del Bono che la Lombardia ha raddoppiato il numero dei tamponi, eseguendone più di chiunque altro e che sta attivando una campagna di test sierologici a tappeto. Regione Lombardia come al solito si è arrangiata da sola. Se Del Bono vuole prendersela con qualcuno chiami i suoi amici a Roma e li solleciti a stanziare soldi, non briciole, per i Comuni, completamente abbandonati a loro stessi nella gestione di questa grave emergenza. Infine ringraziamo Del Bono per non aver rinunciato agli introiti della fiera di San Faustino, quando il Governatore della Regione Lombardia aveva chiesto di chiudere tutto. Quando si dice ‘predicare bene e razzolare male’. A tal proposito auspichiamo che la magistratura apra al più presto un’inchiesta per far luce su questa vicenda”.

La replica di Del Bono è arrivata a stretto giro: “In merito alla nota diffusa in queste ore, e firmata da 26 sindaci leghisti – si legge nella risposta – il Comune di Brescia precisa che non è mai esistita alcuna comunicazione che chiedesse di applicare un qualsiasi tipo di limitazione nei giorni precedenti il 15 febbraio, San Faustino.  Un tale documento non è stato mandato dalla Regione, da Ats, dalla Prefettura o dal Governo, né al sindaco di Brescia né ad alcuno degli altri sindaci della nostra provincia, infatti nessun evento è stato sospeso nei comuni bresciani in quei giorni.  Quanto riportato nella nota, quindi, è assolutamente non veritiero”.

Mentre sul fronte politico è da segnalare la reazione del lombardo, con il segretario regionale Vinicio Peluffo e il consigliere regionale Gian Antonio Girelli. “I sindaci della – si legge – dovrebbero avere il buongusto di tacere e di non usare contro il sindaco Del Bono, che pone problemi veri, argomenti facilmente smentibili. Davvero vogliono difendere un sistema che, mentre costruiva un ospedale in Fiera a Milano, lasciava le persone malate in casa senza nemmeno un medico che le ascoltasse? Che lasciava le case di riposo senza difese e, anzi, le invitava a prendere malati Covid, determinando quella terribile strage che abbiamo visto? Davvero vogliono dire che la sanità lombarda non ha nulla da rimproverarsi? Veniamo alla Cassa integrazione in deroga. Ma lo sanno, i signori sindaci della , che mentre la Regione Lombardia si faceva bella dell’accordo con le banche per l’anticipo alle aziende, accordo che peraltro era stato fatto dal Governo, dalla Regione non erano nemmeno in grado di mandare le domande delle aziende all’Inps, che sono state inviate solo una settimana dopo quell’annuncio? Parliamo anche dello smart working, così importante per tenere i lavoratori a casa. La Regione ha preso un piano che aveva predisposto prima dello scoppio della pandemia, quando ancora si trattava di progetti sperimentali, e quanti euro ha aggiunto nel momento in cui mezza Lombardia era al lavoro da casa? Poco o nulla in più, tanto che sono stati bruciati in due ore. E arriviamo, infine, ai tamponi, che sono così importanti per arginare l’epidemia. Bene la Lombardia, con una popolazione doppia, con il 10% dei morti per Covid di tutto il mondo, ne ha fatti quanti il Veneto, che ha un quarto dei contagiati lombardi, e forse non a caso. Detto questo, il sindaco Del Bono dice una cosa sacrosanta: che se vogliamo aprire davvero la fase 2 non possiamo farlo con l’approssimazione e l’improvvisazione con cui si è gestita la fase 1, altrimenti saranno ulteriori grossi guai per tutti.”

BSNEWS BRESCIA TV: GUARDA LA NOSTRA VIDEO-INTERVISTA AL SINDACO DI BRESCIA EMILIO DEL BONO

(se il video presenta interruzioni dovute all’aggiornamento della pagina potete guardarlo direttamente su YouTube a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=d_eudbUy1fU)

, CHIEDIAMO TAMPONI PER TUTTI PER FERMARE IL CONTAGIO! FIRMATE LA NOSTRA PETIZIONE

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, TUTTA LA LOMBARDIA E’ ZONA ROSSA FINO AL 3 APRILE: DIVIETI E NUOVI DIVIETI DEL 20 MARZOLA PROROGA FINO AL 13 APRILE DECISA DAL GOVERNO

🔴 CORONAVIRUS, CHI PUO’ CIRCOLARE E CHI NO IN LOMBARDIA

🔴 CORONAVIRUS, SCARICA IL NUOVO MODULO PER L’AUTOCERTIFICAZIONE (VERSIONE 4)

🔴 CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE FINO AL 15 MARZO

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 CORONAVIRUS, I DATI DEI MORTI BRESCIANI GIORNO PER GIORNO

🔴 CORONAVIRUS: IDENTIKIT DEI SOGGETTI A RISCHIO (FONTE ISS)

🔴 DICIAMO GRAZIE A MEDICI E INFERMIERI BRESCIANI

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

19,81€
disponibile
5 nuovo da 12,99€
89,95€
non disponibile
2 nuovo da 89,95€
Ultimo aggiornamento il 25 Giugno 2020 01:44

Comments

comments

2 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome