📕 Non ci sono eroi | 📮 IL RACCONTO DELLA SETTIMANA/1

NON CI SONO EROI - 18 marzo 2020 - racconto di Umberto Tanghetti

1
Umberto Tanghetti, scrittore

NON CI SONO EROI – 18 marzo 2020 – racconto di Umberto Tanghetti

Stasera sono uscito dalla farmacia a fine giornata portando con me dei farmaci per A.

Sono salito in macchina col lasciapassare  pronto da mostrare alle forze dell’ordine..Potrei anche dire salvacondotto ché in zone di guerra è così che si chiama..

Qui il fronte è sempre più liquido,vedi il nemico  sui volti tesi e stremati di chi entra in farmacia,lo vedi nel ragazzo che ti dice che da qualche giorno non sente più sapore né odori:aveva avuto solo la febbre qualche giorno fa..E tu respiri piano da sotto la mascherina,stai mezzo metro indietro dal banco,pulisci,disinfetti..Le ambulanze impazzite secondo uno schema di necessità fanno avanti e indietro spostando malati,incastrando disponibilità di degenza. L’eliambulanza decolla e atterra contribuendo a suo modo..

Mi chiama A.e mi chiede :”Hai questo farmaco?Devo tenermi pronto..”

“Certo!-rispondo-Te lo porto stasera!”

A.lo conosco da sempre,dalle elementari,anche se ha tre anni più di me,abbiamo frequentato lo stesso liceo a Brescia:un ragazzo sveglio,intelligente,di quelli quadrati che va bene a scuola,che eccelle nello sport(il nuoto)ed anche nello studio.Parla bene l’inglese,va bene  all’università dove si laurea nei tempi.

Si specializza,inizia la gavetta: è medico al pronto soccorso di una grande città per più di dieci anni.

Salva le vite,li prende per i capelli quelli che arrivano  agonizzanti,li riporta di qua,se ci riesce. Parla con i parenti delle vittime,quando è la morte a vincere.

A.è bravo,lo è da sempre.Questa sua preparazione torna utile,preziosa più dell’oro, anche se, adesso, non è più al pronto soccorso di una grande città,ma al reparto “tranquillo”di una città di provincia.

Qui a Brescia ti mandano al fronte e qui a Brescia non ci si tira indietro.

A.è l’uomo giusto al momento giusto:ha le competenze per combattere la guerra,le aveva prima,le ha anche ora.

Lasciamo stare però la retorica dell’eroismo che salva la Patria:A. non è un eroe, è un uomo preparato,colto,coraggioso che si tira su le maniche e non dice di no. È un uomo,un medico, che ha paura,che  si difende,che reagisce veloce come quando nuotava da ragazzo.

Intuba,controlla,misura,interviene e aspetta.

È lo stesso professionista di sempre.

Qui al fronte è il virus che detta i tempi,non li prendi per i capelli i pazienti,piuttosto tieni loro una mano sulla spalla e aspetti.E i pazienti sono sempre di più.Ancora e ancora e ancora.

A.è la parte migliore di noi,quella che fa quello che deve,punto.Come nella vita del singolo, è la nostra parte migliore che ci tira fuori dai guai, così nella vita sociale di comunità, sarà la parte migliore di noi a tirarci fuori dalla palude.

Una palude in cui si inneggia agli eroi per non mettere mai in discussione se stessi.

E,invece no.

Dobbiamo tirare fuori la parte migliore di noi,come singoli uomini e come collettività e fare si che sia la parte migliore a dettare i tempi.Qui sta avvenendo così:a Brescia le armi che abbiamo sono la solidarietà,la conoscenza,la carità,la competenza,l’altruismo,l’amore,la fatica,il lavoro,l’inventiva,la grinta..

La Leonessa ruggisce,contrattacca colpo su colpo,ci siamo,tegnòm bóta!

Ci sono gli operai che si reinventano gli impianti  per aumentare i posti letto in ospedale,gli ingegneri che riprogettano la distribuzione dell’ossigeno,gli inservienti che sterilizzano,gli infermieri che si prodigano,i medici che gestiscono..

Non abbiamo però eroi,abbiamo uomini e donne che faticano, che piangono, che confortano, che soffrono.”GHE N’È MIA DE FENOMENI!”.

La Leonessa Ruggisce, non è una novità;

la Leonessa è la parte migliore di ciascuno di noi.

A.stasera ha le sue medicine apotropaiche:non le userai,caro A. e ci berremo una bella birra più avanti!

Quando tutto sarà finito,la mia spalla sarà qui,per chiunque abbia bisogno.

Grazie Uomini e Donne.

Tramonto, foto generica da Pixabay

UMBERTO TANGHETTI, CHI E’?

Umberto Tanghetti, nato il primo ottobre 1977 ad Alcamo (Tp) da padre bovegnese e madre alcamese, cresce e vive a Concesio. Dopo la maturità classica al liceo Arnaldo di Brescia, prosegue gli studi a Padova, dove si laurea in chimica e tecnologia farmaceutiche.
Oggi lavora in farmacia a Brescia ed è tornato a vivere a Concesio.
“Non ho mai pubblicato per nessuno – scrive presentandosi – non ho miti letterari, ma grande stima per molti intellettuali: amo Calvino,i paesaggi di Čechov, la profondità di Dostoevskij… Ma se dovessi citarne solo uno citerei Primo Levi tirato dalla vita sui per testimoniare l’impossibile”.

CORONAVIRUS, CHIEDIAMO TAMPONI PER TUTTI PER FERMARE IL CONTAGIO! FIRMATE LA NOSTRA PETIZIONE

▶️ https://www.change.org/coronavirus-tamponi-per-tutti

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

🔴 CORONAVIRUS: IDENTIKIT DEI SOGGETTI A RISCHIO (FONTE ISS)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

100pcs Formato Faccia Libera USA e Getta Blu 3-ply
13,90€
14,90€
disponibile
2 new from 13,90€
Modelabs FFP2 KN95 Maschera viso, Confezione da 100
139,99€
179,69€
disponibile
2 new from 139,99€
x5 Macchina FFP2 modellata serie 1000 (bianca) - 5pz
15,48€
non disponibile
3 new from 15,48€
Ultimo aggiornamento il

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Bene. Bene questa nuova e bella voce di Brescia News. Bene anche perché non fa diventare “eroi” tutte le migliaia di persone che fanno soltanto con bravura e tenacia il loro lavoro e rompe così la pessima abitudine invalsa nel giornalismo italiano. Alla prossima

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome