Elezioni: l’obbligo di certificati penali per i candidati… è a metà

La legge stabilisce multe dai 12mila ai 120mila euro per chi non rispetterà la prescrizione. Ma le virgole sono in agguato...

0

(a.t.) La legge, come noto, obbliga tutti coloro – sindaci e consiglieri – che si candidano alle prossime amministrative in un Comune con più di 15mila abitanti a pubblicare on line (sul sito della coalizione o delle liste) curriculum e certificato penale. E stabilisce per chi non rispetta il vincolo multe dai 12mila ai 120mila euro.

Tutto chiaro. Salvo le virgole, che però rischiano di inficiare la sostanza. La prima premessa, infatti, è che i certificati di cui è richiesta la pubblicazione sono, secondo l’interpretazione prevalente, quelli ad uso elettorale: dunque privi di pendenze che non hanno effetto sull’elettorato attivo e passivo. A Rovato ad esempio, durante il vaglio della commissione prefettizia, sarebbero emersi anche precedenti di rilievo per alcuni candidati, ma – poiché irrilevanti ai fini dell’elettorato – nel certificato pubblicato questi precedenti non compaiono e le pendenze risultano dunque “nulle”. Di sicuro è giusto così, ma resta da capire se questo non rischi di inficiare lo spirito del provvedimento. La seconda questione – più rilevante ai fini pratici – è che la legge obbliga i candidati-sindaci ad avere un sito. Ma non a farlo sapere, almeno a quanto risulta. Dunque capire quali sono i siti dei candidati non è facile e il rischio che l’obbligo di legge venga rispettato tramite un sito web noto solo a chi lo ha realizzato è forte.

Fatta questa premessa, non tutti forse hanno rispettato l’obbligo di legge nel Bresciano. A Rovato, infatti – per fare un esempio – almeno un candidato sindaco non avrebbe un sito (con relativi certificati): così risulta a BsNews, che ha fatto lunghe ricerche senza riuscire a trovarlo. Ma, se anche il sito ci fosse e fosse colpevolmente sfuggito a chi scrive, la certezza è che è difficile capire come un elettore possa trovarlo.

Infine c’è il capitolo delle maxi-sanzioni previste dalla legge. Il nodo, siamo in Italia, è sempre lo stesso. Verranno applicate oppure no? Siccome nel pentolone italiano il problema toccherà tutti i partiti o quasi, le sanzioni – nel nome della casta – verranno date e poi cancellate con un condono periodico, come è spesso avvenuto per le multe per affissioni abusive? Chi di dovere vigilerà sul rispetto della legge. Ma poi, forse, qualcuno dovrà vigilare su quelli che le leggi le scrivono.

Ultimo aggiornamento il 22 Settembre 2020 11:41

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

23,09€
30,49
non disponibile
1 nuovo da 23,09€
Amazon.it
Spedizione gratuita
19,99€
disponibile
1 nuovo da 19,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
13,09€
18,00
disponibile
3 nuovo da 13,09€
Ultimo aggiornamento il 22 Settembre 2020 11:41

 

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome