Covid: una svolta nelle politiche, anche locali, di sostegno economico | di Paolo Pagani*

I bilanci degli enti locali, per non parlare di quello di Regione Lombardia,  di prossima formazione, devono assumere come asse prioritario  una politica di ridistribuzione del reddito a favore di queste fasce sociali

0
Paolo Pagani, opinionista Bsnews.it

di * – Tra gli emendamenti presentati alla legge di stabilità, uno, primo firmatario Bersani, è particolarmente rilevante: l’istituzione di un contributo di solidarietà a carico dei redditi e patrimoni superiori a 1,5 milioni di euro. Da utilizzare per azioni contro le nuove e vecchie povertà. Le reazioni del ceto politico e del mondo dell’informazione sono state disarmanti. Ma se non ora quando?

Quando il risparmio privato, dei garantiti, sta ingrossando a dismisura i forzieri delle banche.
Quando l’esercito degli iperprecari ha raggiunto la cifra record di 5 milioni.
Quando la curva della domanda interna aggregata continua a piegarsi.
Quando le fratture sociali si stanno facendo drammatiche.

Parola del Censis.
Fino ad ora è stato sacrosanto che regioni e comuni abbiano integrato i vari bonus e ristori per le categorie più colpite del ceto medio (bar, ristoranti, negozi ecc.), senza peraltro ottenere, anche dalle stesse associazioni di categoria, comprese quelle bresciane, il dovuto riconoscimento. E  senza sottacere come  non siano rari i casi di attività che hanno addirittura introitato di più con la chiusura che con l’apertura.
Ma di fronte ad una questione sociale che sta assumendo i contorni sopra richiamati, é imperativo spostare l’asse degli interventi anche locali. Chiedo e mi chiedo cosa impedisca di integrare le misure statali (cassa integrazione, reddito di emergenza, buoni spesa…) e di istituire misure organiche di sostegno al mondo del lavoro povero, del precariato, dei nuovi disoccupati e delle partita Iva. E in misura massiccia. Come si è fatto per le succitate categorie. Anzi, di più. Perché, lì in quei mondi, le sofferenze sono maggiori. Ma sono messe tra parentesi dal senso comune, tant’è che i vari provvedimenti hanno riservato loro le briciole. 
I bilanci degli enti locali, per non parlare di quello di Regione Lombardia,  di prossima formazione, devono assumere come asse prioritario  una politica di ridistribuzione del reddito a favore di queste fasce sociali. Ogni euro disponibile, derivante dai maggiori trasferimenti statali e da un incremento delle entrate locali, va investito in questa direzione. Proprio per fare tutto il possibile per ricucire una comunità che si sta pericolosamente slabbrando. 

* segretario provinciale di Articolo UNO di Brescia 

MASCHERINE CONTRO IL , LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

Ultimo aggiornamento il 14 Gennaio 2021 13:09

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome