Serle, dopo tre anni di attività chiude il centro per richiedenti asilo

Gli immigrati (originari di Bangladesh, Burkina Faso, Camerun, Congo, Costa d'Avorio, Gambia, Ghana, Mali, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Somalia) erano divisi nelle due strutture messe a disposizione dall'amministrazione comunale precedente: Casa Boifava e Villa Brivio

0
Immigrati
Immigrati

Dopo tre anni è terminata, a Serle, l’attività del Sipromi del Siproimi (il Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e minori non accompagnati, l’ex Sprar) che dal 2018 ha ospitato 24 richiedenti asilo provenienti da 12 diversi Paesi del mondo

Gli (originari di Bangladesh, Burkina Faso, Camerun, Congo, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Mali, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Somalia) erano divisi nelle due strutture messe a disposizione dall’amministrazione comunale precedente: Casa Boifava e Villa Brivio (libera da novembre).

A dicembre 2020, l’Amministrazione Comunale ha deciso di terminare il progetto rinunciando alla facoltà di proroga. Gli operatori hanno deciso di scrivere e divulgare una lettera aperta per raccontare quanto creato e sviluppato attraverso il progetto di accoglienza. La riportiamo di seguito.

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DEL PROGETTO SPRAR/SIPROIMI DI SERLE

Il progetto Sprar/Siproimi ha l’obiettivo di facilitare l’inserimento sociale di coloro che, dopo aver ottenuto la protezione internazionale da parte dello Stato Italiano, sono in possesso di regolare permesso di soggiorno.  Facilitare l’inserimento non significa per forza trovare una casa, un lavoro o una sistemazione definitiva, ma piuttosto offrire opportunità, strumenti, informazioni, formazione, conoscenze e stimoli affinché la persona accolta possa diventare protagonista del proprio percorso di vita, in relazione con un territorio e una comunità d’accoglienza. Ogni persona che entra nel progetto ha la possibilità di rimanervi dai 6 mesi all’anno, costruendo con gli operatori un percorso personalizzato e individuale di crescita orientato alla ricerca di un lavoro e di una soluzione abitativa, ma non solo.  La sfida degli operatori e dei beneficiari stessi è fare in modo che, quando un rifugiato esce dal progetto, abbia gli strumenti necessari per poter affrontare e proseguire il suo percorso in autonomia, grazie alle sue risorse e potenzialità di cittadino.

Nello specifico il progetto Sprar/Siproimi di Serle ha avuto a disposizione due alloggi dislocati sul territorio con 10 posti totali per l’accoglienza. All’interno del progetto hanno operato diverse figure professionali come educatori, psicologi, mediatori culturali e insegnanti. In questi 3 anni i beneficiari del progetto sono stati 24, uomini e donne provenienti da Sierra Leone, Costa D’Avorio, Nigeria, Senegal, Somalia, Gambia, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Mali, Burkina Faso e Bangladesh.

In questi 3 anni sono stati tanti i servizi offerti e le opportunità create:

– 11 tirocini attivati presso aziende del territorio, alcuni conclusisi con l’assunzione;

– 15 corsi di formazione professionale (pizzaiolo, logistica e magazzino, saldatore, sicurezza sul lavoro, guida del muletto…);

– a tutti i beneficiari è stata data l’opportunità di partecipare alla scuola di lingua italiana interna, insieme con l’iscrizione ai corsi di alfabetizzazione per adulti presso il CPIA territoriale, alcuni percorsi per il conseguimento della terza media e un’iscrizione presso un istituto superiore per il conseguimento del diploma;

–  tre iscrizioni alla scuola guida per il conseguimento della patente.

– attivati diversi corsi di formazione extra- professionale: corso base sulla salute, corso base di computer, corso di economia domestica, corso di lettura e comprensione della busta paga e dei contratti di lavoro, corso sul funzionamento di un conto in banca.

Inoltre, grazie alla collaborazione tra operatori e rifugiati, sono stati attivati interventi sulla tematica dell’accoglienza in alcune classi delle scuole medie di Nuvolento, Salò e Vobarno.

Questi sono solo alcuni numeri che possono dare una piccola idea di quello che è stato fatto, ma come tutti i numeri non possono rendere le emozioni le emozioni che ci hanno accompagnato in questi 3 anni: gioie, arrabbiature, successi, delusioni, risate, voglia di farcela e di riscatto, e ancora cene insieme, giochi, illusioni e soprattutto speranze…. in poche parole la vita.  Pensiamo che chi in questi anni ha avuto la possibilità e la voglia di conoscerci e incontrarci possa capire quanto sia importante accogliere le persone senza farsi bloccare da falsi pregiudizi.

Vogliamo ringraziare chi in questo percorso ci ha accompagnato in questo progetto: gli amministrativi del comune di Serle, l’assistente sociale, i vicini di casa, i titolari delle aziende che hanno colto l’opportunità di accogliere dei tirocini formativi, le agenzie formative per la disponibilità e la cordialità, il Cpia e gli istituti comprensivi e tutte le persone che in un modo o nell’altro hanno dato il loro contributo.

Un saluto caloroso a tutti e grazie per questi tre anni insieme…

Gli operatori del progetto Sprar/Siproimi di Serle

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS
🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO
🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

MASCHERINA MASCHERA FFP3 - DOC - CERTIFICATA CE - 20PZ
74,99€
89,00€
disponibile
2 new from 74,99€
Ultimo aggiornamento il 22 Gennaio 2021 13:00

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome