🔴 Il Garda chiude parzialmente i rubinetti per salvare la navigazione

Nel dettaglio, da domani (22 giugno), la portata dei deflussi sarà ridotta da 70 a 60 metri cubi al secondo, per poi passare a 55 (i flussi in ingresso, al momento, sono soltanto di due litri al metro cubo).

0
Traghetto, foto generica da Pixabay

Il Garda – sempre più provato dalla siccità – chiude parzialmente i rubinetti. A deciderlo è stata l’Agenzia Interregionale per il fiume Po, in accordo con la Comunità del Garda e con il Consorzio del Mincio.

Nel dettaglio, da domani (22 giugno), la portata dei deflussi sarà ridotta da 70 a 60 metri cubi al secondo, per poi passare a 55 (i flussi in ingresso, al momento, sono soltanto di due litri al metro cubo).

In meno di un mese i livelli del Benaco sono calati di una trentina di centimetri rispetto allo zero idrico (ora a Peschiera siamo 43 centimetri sopra): l’obiettivo di questi provvedimenti è quello di fermare la discesa per continuare a garantire la navigazione delle acque. Di certo, se non arriveranno abbondanti piogge, dalla seconda metà di agosto diventerà impossibile fornire acqua all’agricoltura.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome