🔴 Vescovo Tremolada, trapianto riuscito: ora due settimane di attesa

Mercoledì 20 luglio il vescovo Pierantonio Tremolada ha ricevuto il trapianto di midollo osseo programmato dall’équipe dell’Ospedale san Gerardo di Monza.

0
Il vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada, foto da Wikipedia Di MariMGC - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=60827391

Mercoledì 20 luglio il vescovo Pierantonio Tremolada ha ricevuto il trapianto di midollo osseo programmato dall’équipe dell’Ospedale san Gerardo di Monza.

“Le nuove cellule staminali del donatore – informa una nota della diocesi – sono state infuse senza problemi. Dovranno ora attecchire e ripristinare il sangue e il sistema immunitario del paziente. Come prevedibile, durante i giorni delle terapie pretrapianto il paziente ha avuto un poco di effetti tossici che sta superando. La notte dopo l’intervento è trascorsa tranquillamente”.

Ora, però, è il momento dell’attesa (e per i fedeli della preghiera): “Ci vorranno almeno due settimane per fare qualche ulteriore valutazione sull’andamento del trapianto”.

“Esprimiamo al vescovo Pierantonio la nostra vicinanza nell’affetto e nella preghiera – conclude la nota della diocesi – Un grazie sincero per la competenza e la professionalità del personale medico che ha in cura il nostro Pastore”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome