🟢 Fondazione Spedali Civili: in tre anni sostenuti progetti per 5 milioni di euro

0
Ospedale Civile, foto Andrea Tortelli (BsNews.it)

“Dal 2019 ad oggi la Fondazione ha raccolto quasi 6 milioni di euro, di cui oltre 5 già utilizzati per 32 diversi progetti”. E’ tutto in queste poche righe il bilancio della Fondazione Spedali Civili, nata tre anni fa per volontà di quattro fondazioni private (Fondazione Beretta, Fondazione Adele e Cavalier Francesco Lonati, Fondazione Angelo Nocivelli e Fondazione della Comunità Bresciana) e guidata da Marta Nocivelli.

“Il primo importante impegno è stato la raccolta fondi lanciata per dotare gli Spedali Civili di ApotecaChemo, il sistema automatizzato per la preparazione dei farmaci chemioterapici – ha spiegato Nocivelli nel corso di una conferenza stampa -, ma è stato solo con l’emergenza causata dalla pandemia da covid che ci siamo resi conto di quanto la decisione presa sia stata efficace e di grande supporto agli Spedali Civili”.

Nel periodo più critico Fondazione ha, infatti, finanziato la realizzazione di 20 posti di terapia intensiva, a cui sono seguiti numerosi altri interventi. L’impegno più importante è stato certamente la ristrutturazione di un padiglione degli Spedali Civili, noto come Scala 4.0, tuttora fondamentale per il trattamento dei pazienti Covid, dove anche oggi sono ricoverati più di 80 pazienti.

«Si è trattato di una realizzazione unica nel suo genere – ha sottolineato ancora Nocivelli – un ospedale nell’ospedale che garantisce non solo le migliori cure per i pazienti, ma che consente di mantenere ‘pulito’ il resto dell’ospedale permettendo in questo modo la prosecuzione della normale attività». Una ristrutturazione possibile anche grazie alla buona volontà e competenza, prestata a titolo gratuito, di alcuni professionisti bresciani e alla cooperativa ‘Per Brescia’, senza i quali non sarebbe stato possibile donare agli Spedali Civili la completa ristrutturazione di Scala 4.0.

Consapevole dell’importanza della ricerca, fondamentale per garantire le migliori cure ai pazienti, Fondazione Spedali Civili nei suoi tre anni di vita ha anche finanziato diversi studi, sia legati alla pandemia sia ad altre patologie. «Penso, ad esempio, allo studio CoronAid Iperimmuni, ancora in corso, il cui capofila è il dottor Stefano Casola dell’Isfom di Milano svolto in collaborazione con il professor Raffaele Badolato, direttore della Pediatria dell’Ospedale dei Bambini, e il dottor Camillo Almici – ha proseguito Nocivelli -. Ma anche al progetto ‘Identify’, guidato dalla ‘Head and Neck Unit’ degli Spedali Civili insieme all’Istituto di medicina molecolare Angelo Nocivelli e all’Università degli studi di Brescia per individuare precocemente le recidive dei tumori testa-collo».

I PROGETTI FINANZIATI DALLA FONDAZIONE

AREA PROGETTUALE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE

ApotecaChemo. Acquisto della piattaforma ApotecaChemo per automatizzare il processo di allestimento delle terapie oncoematologiche dell’Asst Spedali Civili.

Finanziamento 305.000 euro

 

AREA PROGETTUALE EMERGENZA COVID

N. 20 posti di terapia intensiva. Realizzazione di n. 20 posti di rianimazione in tre diversi reparti degli Spedali Civili.

Finanziamento 1.000.000 euro

N. 2 ecografi per l’attività di ostetricia domiciliare.  Acquisto di due ecografi per ecografie a domicilio delle pazienti seguite dai Consultori Familiari dell’Asst Spedali Civili.

Finanziamento 8.154 euro

N. 2 dermoscopi “Fotofinder Dermoscope Vexia”. Acquisto di due dermoscopi per permettere le diagnosi di tumori alla pelle anche in situazioni di rischio di contagio per infezione da coronavirus.

Finanziamento 36.600 euro

N. 1 centrifuga per il Laboratorio Centrale. Acquisto di una centrifuga da banco refrigerata per il Laboratorio Centrale di Analisi degli Spedali Civili per aumentarne la dotazione strumentale.

Finanziamento 7.731 euro

Help Line psichiatrico. Un supporto telefonico per rispondere al disagio psicologico e psichiatrico diretto a tutta la popolazione, utilizzato in particolare dagli operatori sanitari, dai pazienti colpiti dal Covid-19 e dai loro famigliari.

Finanziamento 200.000 euro

Accompagnamento dimessi Covid con Kit monouso. All’atto della dimissione ospedaliera di pazienti guariti, ma ancora positivi, sono stati consegnati kit monuso perchè non fossero veicolo di infezione, anche con la propria biancheria, per i famigliari. Gli stessi Kit sono stati forniti al centro Paolo VI per la gestione della biancheria dei pazienti ancora positivi durante le prima ondata pandemica.

Finanziamento 8.458 euro

Campagna Straordinaria donazione Sangue. Il sostegno di Fondazione ha consentito all’Avis provinciale, in coordinamento con il Servizio Immuno-trasfusionale del Civile, di rispondere alla carenza di sangue nella primavera del 2020.

Finanziamento 70.000 euro

Ripresa attività ambulatoriale. Realizzazione di una campagna di comunicazione per la ripresa delle attività ambulatoriali degli Spedali Civili.

Finanziamento 4.209 euro

Tempo di Coronavirus. Realizzazione di alcuni strumenti comunicativi utili ad indicare con chiarezza i comportamenti consoni da tenere in relazione a sé, a chi vive intorno a sé e a chi deve nascere nel periodo di Covid.

Finanziamento 15.600 euro

Dotazioni per l’Ospedale di Montichiari.

Congelatore a -80°. Finanziamento 13.908 euro

Arredi e reparti sale operatorie. Finanziamento 101.148 euro

Colonna artroscopica. Finanziamento 32.748 euro

Cappa per laboratorio. Finanziamento 9.577 euro

Un migliaio di mascherina C-Pap per ventilazione. Finanziamento 39.650 euro

Una sonda cardiologica. Finanziamento 3.904 euro

Monitor per ossigenazione e pulsossimetri. Finanziamento 25.779 euro

Migliaia di mascherine FFP2. Finanziamento 4.758 euro

N. 3 ecografi e N. 1 lavaferri per sala operatoria. Finanziamento 40.130 euro

 

AREA PROGETTUALE INNOVAZIONE E SUPPORTO ALLE ATTIVITÀ SANITARIE

Scala 4.0. È il progetto più importante sia dal punto di vista finanziario che organizzativo. Obiettivo: ristrutturazione di un intero padiglione degli Spedali Civili in grado di accogliere in totale sicurezza, per i ricoverati e per l’intero ospedale, i pazienti covid positivi.

Finanziamento 2.420.000 euro

 

AREA PROGETTUALE WELFARE DIPENDENTI

Welfare personale Ospedaliero coinvolto nell’emergenza Covid. Costi sostenuti per la permanenza in struttura alberghiera di personale sanitario coinvolto nella cura di pazienti colpiti da Sars-Cov2.

Finanziamento 50.562 euro

Rimborso in busta paga per mensa e parcheggio a tutti i dipendenti di ASST Spedali Civili. Per i mesi di marzo e aprile 2020 tutti gli oltre 6.500 dipendenti di Asst Spedali Civili hanno ricevuto il rimborso delle quote trattenute per mensa e parcheggio.

Finanziamento 225.168 euro

Welfare Asili nido. Pagamento delle rette degli asili nido a 43 dipendenti dell’Asst Spedali Civili con figli fino ai 3 anni che frequentano nidi accreditati e Isee inferiore ai 25.000 euro.

Finanziamento 120.000 euro

 

AREA PROGETTUALE RICERCA SCIENTIFICA

Follow Up Extended. Obiettivo: osservazione dello stato di salute dei pazienti dimessi dalla terapia intensiva dopo un ricovero di almeno 72 ore, inclusi quelli ricoverati per Covid-19. Gli studi hanno, infatti, evidenziato che spesso sviluppano complicanze nel tempo, che sono del tutto indipendenti dalla causa originale del loro ricovero in terapia intensiva.

Finanziamento 36.000 euro

Studio delle malattie da disregolazione del sistema immunitario e sviluppo di terapie personalizzate. Il progetto è stato sottoposto alla Fondazione Spedali Civili dalla Fondazione Golgi, che lo ha selezionato attraverso un bando di ricerca, per un co-finanziamento al 50%. Obiettivo: studiare l’efficacia di farmaci sperimentali sul controllo dei sintomi clinici presentati dai pazienti affetti da APDS1.

Finanziamento 10.000 euro

CoronAid Iperimmuni. Coordinato da Stefano Casola (Ifom- Istituto Firc di Oncologia Molecolare) con Raffaele Badolato e Camillo Almici (Università di Brescia e Asst Spedali Civili). Obiettivo: generare la più estesa libreria oggi disponibile di geni immunoglobulinici diretti contro il Sars-CoV2, ottenuta da linfociti B di donatori di plasma iperimmune.

Finanziamento 90.000 euro

Identify. Progetto di ricerca guidato dalla ‘Head and Neck Unit’ degli Spedali Civili con l’Istituto di medicina molecolare Angelo Nocivelli, l’Università degli studi di Brescia e l’Università degli studi Milano Bicocca. Obiettivo: riuscire a individuare marcatori biomolecolari dei tumori testa-collo grazie alla cosiddetta ‘biopsia liquida’.

Finanziamento 80.000 euro

Studio del danno endoteliale in pazienti con malattia da Covid-19. Obiettivo: valutare il conteggio delle Cellule Endoteliali Circolanti (CEC), come funzione del danno endoteliale, in pazienti affetti da polmonite da Covid-19 con sindrome da distress respiratorio confrontati con soggetti di controllo sani.

Finanziamento 50.000 euro

Studio 1000 Ritmi del Cuore per pazienti colpiti da Covid. Lo scopo è sottoporre inizialmente i pazienti dimessi dalla Cardiologia e successivamente tutti i pazienti dimessi dagli Spedali Civili di Brescia ad esame Holter 24 ore. Tale registrazione permetterà di valutare fenomeni di aritmie, di valutare la presenza di apnee notturne, di approfondire il profilo pressorio.

Finanziamento 69.150 euro

 

AREA PROGETTUALE CULTURA E STORIA

Libro Sinergie. Il libro «Sinergie» è una raccolta di testimonianze ed è stato scritto per valorizzare l’impegno e la dedizione di coloro che hanno prestato la loro opera all’Hub vaccinale allestito negli spazi della Fiera di Brescia.

Finanziamento 7.488 euro

Mostra fotografica: La Cura in uno sguardo. 16 scatti del cardiologo Giuseppe Milesi, fotografo per passione, sono diventati una mostra fotografica itinerante.

Finanziamento 6.827 euro


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome